7 novembre 2017 / 11:14 / tra 17 giorni

BORSE EUROPA piatte, deludono report profitti

    MILANO, 7 novembre (Reuters) - 
 INDICI                       ORE 12,03   VAR %    CHIUS. 2016
 EUROSTOXX50                  3679,71     -0,07    3290,52
                                                   
 STOXX EUROPE 600             396,68      0,02     361,42
 STOXX BANCHE                 183,83      0,18     170,27
 STOXX OIL&GAS                329,26      1,06     322,47
 STOXX ASSICURAZIONI          293,23      0,31     269,66
 STOXX AUTO                   629,42      -0,24    542,82
 STOXX TLC                    283         -0,02    292,22
 STOXX TECH                   465,95      -0,24    367,87
    Le borse europee sono sostanzialmente piatte a metà
mattinata, dopo un avvio al rialzo sulla scia dei mercati
globali e al calo dell'euro. Deludono una serie di aggiornamenti
sui profitti delle aziende quotate.
    Alle 12 l'indice europeo di borsa STOXX 600 segna
+0,02% a 396,68 punti. La borsa di Francoforte è a
+0,1%, Londra -0,17%, Parigi -0,04%, Madrid
-0,39%.
    Enrico Vaccari, fund manager di Consultinvest, si dice
ottimista sulle prospettive per i mercati europei a causa della
ripresa economica sostenuta, della previsione di una politica
monetaria favorevole e dell'euro indebolito.
    "È difficile trovare notizie negative. Storicamente, il
periodo tra novembre e marzo è stato favorevole per i titoli e,
escludendo sorprese, il 2017 sarà un anno memorabile", dice
Vaccari.
    Finora, quest'anno, lo STOXX 600 è cresciuto del 9,8%. Il
Dax del 17,6%.
    ** Il titolo migliore è quello della società di servizi
petroliferi Tullow Oil, che cresce del 3,3%. 
    Gli stock dell'energia sono sostenuti dai prezzi
petroliferi, che ieri hanno registrato il picco da sei
settimane, dopo l'operazione di polizia in Arabia Saudita che ha
portato in carcere nobili ed ex ministri, oltre a imprenditori,
consolidando il potere del principe della Corona.
    L'indice di settore cresce di quasi l'1%.
    ** Da segnalare anche la performance di Imperial Brands
, che guadagna oltre l'1,9%. La società ha registrato
vendite annuali più o meno in linea con le attese, grazie a un
miglioramento nel secondo semestre.
    Ma molte altre società hanno dato risultati deludenti.
    È il caso di BMW, che perde il 2,5% dopo profitti
trimestrali calati del 5,9%, vicino alla parte bassa della
previsione secondo un sondaggio Reuters, a causa dei costi
maggiori per le nuove tecnologie e i modelli.
    Il secondo più grande produttore mondiale di auto di lusso
ha comunque mancato di poco l'outlook per i profitti pre-tasse,
quest'anno.
    ** Cala ancora più pesantemente anche il produttore di chip
Dialog Semiconductor (-8,2%), dopo un outlook cauto
sul quarto trimestre.
    Sotto pressione anche il gruppo marittimo danese A.P. Moller
Maersk, Siemens Gamesa e l'azienda di
sicurezza G4S, che perdono tra il 5% e l'8%.
    Nonostante qualche dato deludente di oggi, comunque, la
stagione dei profitti in Europa sta andando bene, mentre sono
già sei su dieci le società che hanno già annunciato i
risultati.
    Secondo i dati Thomson Reuters IBES, il 58% delle aziende
hanno superato le previsioni degli analisti e il 10% sono in
linea.
    (Danilo Masoni)
         
Per  una panoramica su mercati e notizie in  lingua italiana 
con quotazioni,  grafici e dati, gli abbonati Eikon possono
digitare nel Search Box di Eikon  la parola “Pagina Italia” o
“Panorama Italia”
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. 
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below