22 gennaio 2010 / 08:00 / 8 anni fa

New York dovrà risarcire minoranze discriminate dai pompieri

<p>Vigili del fuoco di New York al lavoro in occasione di un incendio. REUTERS/Gary Wiepert</p>

NEW YORK (Reuters) - La città di New York dovrà risarcire le minoranze che sono state discriminate dai test per l‘ingesso nei vigili del fuoco, che non sono equi. Lo ha stabilito un giudice federale.

Darius Charney, avvocato del Center for Constitutional Rights di New York che rappresenta una confraternita di vigili del fuoco neri, in una email ha stimato che il costo per la città potrà essere di oltre 50 milioni, “più i danni d‘immagine”.

Il giudice Nicholas Garaufis ha stabilito che gli esami scritti per entrare nei vigili del fuoco hanno discriminato centinaia di candidati neri, e ha precisato che c’è stata una prassi di “discriminazione intenzionale contro i neri”.

Il giudice ha rigettato la richiesta di stabilire quote per vigili del fuoco neri ma ha invece stabilito che 7.400 candidati che provenivano da minoranze etniche hanno diritto a richiedere un risarcimento, e che 293 di questi esclusi vanno ora considerati per “assunzioni prioritarie” se soddisferanno le necessità dei vigili del fuoco della città, che dovranno predisporre nuovi tipi di esami per i test di assunzione.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below