30 settembre 2009 / 08:31 / tra 8 anni

Salute, amici magri possono spingervi a mangiare di più

NEW YORK (Reuters) - Quell‘amico che non ingrassa mai pur mangiando qualunque cosa non è soltanto fastidioso: potrebbe anche mandare a monte la vostra dieta.

Lo rivela un nuovo studio della British Columbia University di Kelowna, in Canada. I ricercatori hanno scoperto che, davanti ad un film e un pacchetto di merendine in compagnia, si tende a seguire l‘esempio dell‘amica più magra quando questa esagera con il cibo.

Al contrario, le persone che hanno preso parte allo studio hanno mostrato più autocontrollo nei momenti in cui si sono trovate a nella stessa situazione ma insieme ad una compagna più robusta di loro.

Le scoperte, pubblicate sul Journal of Consumer Research, suggeriscono che, vedendo una persona magra divorare grandi quantità di cibo, ci sentiamo autorizzati a fare la stessa cosa.

”Il ragionamento che scatta è: ‘se lei può mangiare così e restare magra, posso farlo anch‘io’, oppure ‘lei mangia la torta, quindi la posso mangiare anche io’, ha detto a Reuters lo studioso Brent McFerran.

“In altre parole, la compagnia più pericolosa a tavola non è una persona obesa, ma una persona magra con un buon appetito”.

McFerran e i suoi colleghi hanno condotto lo studio su 210 studentesse del college, che credevano di partecipare ad una ricerca sulla visione dei film.

Ogni ragazza ha visto un film insieme ad una compagna, che in realtà faceva parte del team di ricerca.

In alcuni casi, la studiosa si è presentata con il suo peso abituale di circa 48 kg, mentre altre volte ha indossato un‘imbottitura che la faceva sembrare obesa.

Durante la proiezione, alle coppie venivano offerti degli snack, di cui la ricercatrice in incognito si serviva sempre per prima.

In generale è emerso che le studentesse mangiavano di più quando a prendere una porzione abbondante era la loro compagna magra rispetto ai casi in cui la stessa quantità era assunta dalla compagna “sovrappeso”.

Ad esempio, quando la ricercatrice senza imbottitura mangiava 30 caramelle, le partecipanti allo studio ne mangiavano in media 10, mentre quando la ricercatrice faceva la stessa cosa ma con addosso l‘imbottitura che la faceva apparire obesa, le ragazze mangiavano in media 6 caramelle.

“Il mangiare risente molto della pressione sociale”, ha commentato McFerran.

Ma le nuove scoperte non significano che dobbiamo annullare tutte le future cene con le nostre amiche magre e mangione.

“Se pensiamo prima di agire, abbiamo meno probabilità di lasciarci andare”, ha detto McFerran.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below