27 agosto 2009 / 09:44 / 8 anni fa

Volete gli stipendi più alti? Andate in Svizzera, dice studio

Di Miral Fahmy

<p>Alcune banconote di euro. REUTERS/Russell Boyce</p>

SINGAPORE (Reuters) - Paga lavorare in Svizzera: gli impiegati di Zurigo e Ginevra hanno, infatti, i salari più alti al mondo, secondo uno studio del gruppo bancario Ubs, mentre quelli di Mumbai si trovano in fondo a questa speciale classifica.

Per l‘Italia sono rappresentate Roma e Milano, che sono entrambe staccatissime dai 22,6 dollari l‘ora di Zurigo. Milano si attesta sugli 11,5 dollari l‘ora, in linea con gli stipendi di Madrid e Barcellona, ma sotto alle città francesi presenti, Lione e Parigi, e a quelle nordamericane, New York, Los Angeles ma anche Montreal.

E’ peggiore la situazione di Roma che, con i suoi 9 dollari netti l‘ora, si trova nella stessa fascia di città come Lisbona, Atene e Tel Aviv.

Le due città svizzere al comando, però, sono anche tra le cinque città più costose del mondo secondo lo studio del gruppo, intitolato “Price and Earnings” 2009.

“Con i suoi salari estremamente competitivi e le imposizioni fiscali relativamente basse, la Svizzera è un ottimo paese per i lavoratori”, riporta la banca svizzera in un comunicato.

“Non ci sono città, nel mondo, che consentano delle entrate così buone a fine mese come Zurigo e Ginevra”.

Lo studio, pubblicato ogni tre anni, mette a confronto entrate e potere d‘acquisto dei lavoratori di 73 città in tutto il mondo, sottolineando in particolare le disparità nelle varie regioni, e anche quelle all‘interno dello stesso paese.

I gap più rilevanti sono stati riscontrati in Asia, con Tokyo che rientra tra le cinque città più costose del mondo e altre capitali di paesi in via di sviluppo come Malaysia, Filippine e India che invece si trovano in fondo a questa graduatoria.

Oslo si è accaparrata il primo posto tra le città dai costi più elevati, stando a un rilevamento basato su 122 beni e servizi, seguita da Zurigo, Copenaghen, Ginevra, Tokyo e New York.

Quando si tratta, però, degli affitti, allora New York si porta decisamente al comando.

Quest‘anno le fluttuazioni di valuta causate dalla crisi economica globale hanno colpito e danneggiato la classifica di diverse città, tra cui Londra in particolare, che era al secondo posto nella graduatoria delle città più costose nel 2006, e che quest‘anno ha perso ben 20 posizioni per via del crollo della sterlina.

L‘analisi coinvolge più di 30.000 dati, raccolti da diversi osservatori indipendenti in ogni singola città, nei mesi di marzo e aprile. Tutte le cifre sono state poi convertite in una singola valuta prima di essere messe a confronto, fa sapere la banca.

Le città con un costo della vita più basso si sono rivelate Kuala Lumpur, in Malaysia, Manila, nelle Filippine, e le indiane Delhi e Mumbai.

Ma i lavoratori di queste città, così come quelli di Jakarta e Nairobi, ricevono i salari più bassi del mondo, con un potere d‘acquisto tra l‘11 e il 15% di quello di Zurigo.

“Un lavoratore medio di New York e Zurigo è in grado di comprare un iPod nano in un Apple store dopo circa nove ore di lavoro. I lavoratori di Mumbai, invece, hanno bisogno di 20 giorni da nove ore di lavoro al giorno, praticamente uno stipendio mensile”, si legge nello studio.

Anche le ore lavorative, tra l‘altro, cambiano da zona a zona e lo studio rivela che, in media, le persone in Asia e in Medio Oriente lavorano molto più della media mondiale, che è pari a 1902 ore l‘anno. La città dove si lavora di più è il Cairo, seguita da Seoul, mentre Lione e Parigi sono le due città dove si lavora meno.

Per il rapporto integrale cliccare su www.ubs.com/research

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below