12 agosto 2009 / 13:19 / tra 8 anni

New York, all'asta vini pregiati dell'esclusivo 21 Club

<p>Una degustazione di vini. REUTERS/Regis Duvignau</p>

di Leslie Gevirtz

NEW YORK (Reuters) - Whoopi Goldberg, George Clooney e la principessa britannica Anna hanno recentemente organizzato feste esclusive nella sua Secret Wine Cellar. Elizabeth Taylor, Ivan Boesky, e Chelsea Clinton vi tengono delle bottiglie.

Ma oggi la cantina del famoso ristorante 21 Club di New York -- dove casse in legno pregiato piene di bottiglie di vino si accumulano una sopra l‘altra -- necessita di un po’ d‘ordine.

Il 12 settembre la casa d‘aste Christie’s metterà in vendita circa 630 bottiglie del ristorante, che ha aperto i battenti come bar clandestino nel periodo del Proibizionismo.

Le bottiglie messe all‘asta saranno soprattutto di Burgundy, ha detto Charles Curtis, direttore della sezione vini di Christie’s in America del Nord.

“La maggior parte degli anni 90 e alcune del 2002”, ha spiegato, parlando di due vini d‘annata leggendari quasi quanto lo stesso 21 Club.

“E’ stato molto difficile decidere da quali bottiglie dividersi. Sono molto possessivo con i miei vini”, ha raccontato il responsabile delle cantine del 21 Club, Philip Pratt. “Credo che il miglior paragone che posso fare sia questo: avete mai avuto un cassetto pieno di vestiti? Li amate ancora tutti, ma dovete fare spazio per i nuovi acquisti”.

Il “cassetto” del vino del 21 Club è grande abbastanza da contenere 25.000 bottiglie, senza contare la riserva privata di circa 2.000 bottiglie del defunto presidente Richard Nixon e di Sammy Davis Jr.

“Ormai il vino si trova qui e fa parte del loro patrimonio. Qualche volta i loro eredi chiamano solo per controllare una particolare bottiglia”, ha spiegato Pratt.

La cantina, nascosta dietro una porta segreta, era davvero un ritrovo clandestino, dove gangster e scrittori potevano incontrare potenti politici che bevevano un drink lontano dagli occhi degli elettori più rigidi.

Il club fu aperto nel 1922 al villaggio di Greenwich, a New York, dai cugini Jack Kreindler e Charlie Berns e si spostò nella sua posizione attuale nel 1929. Nonostante le numerose incursioni nel periodo del Proibizionismo, i due cugini non furono mai catturati.

I vini del 21 Club saranno soltanto una parte dell‘asta e, secondo le stime di Christie‘s, la vendita dovrebbe fruttare tra 1,9 e 2,7 milioni di dollari.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below