24 maggio 2009 / 13:23 / tra 8 anni

Formula Uno, Mosley: possibile rinvio tetto al budget di un anno

<p>Il presidente della Fia, Max Mosley, a Montecarlo, 23 maggio 2009. REUTERS/Robert Pratta</p>

di Alan Baldwin

MONACO (Reuters) - Le scuderie di Formula Uno potrebbero disporre di un anno di tempo in più prima di dover correre con un limite di spesa di 40 milioni di sterline.

Lo ha detto oggi il presidente della Federazione internazionale dell‘automobile (Fia) Max Mosley.

“La cifra (potrebbe essere) più elevata (l‘anno prossimo), quindi i limiti entrerebbero pienamente in vigore nel 2011”, ha detto Mosley a Reuters al Grand Prix di Monaco, dopo un incontro con i patron dei team. “E’ una possibilità”.

Mosley ha aggiunto che una o due scuderie potrebbero lasciare la Formula Uno alla fine della stagione, con o senza limiti ai budget, ma si è detto fiducioso che la Ferrari rimanga nonostante abbia minacciato di andarsene.

“Penso che uno o due di loro potrebbero doversi fermare, ma questo non ha niente a che fare con queste discussioni”.

“E’ molto difficile per un grande costruttore restare in Formula Uno quando fa economia negli stabilimenti fermando gli ascensori, tagliando l‘elettricità, non pulendo i vetri, o non servendo caffé ai meeting”, ha aggiunto Mosley.

“Una società che è in questo genere di situazione ha poche chance di continuare a investire massicciamente in Formula Uno”, ha detto il presidente della Fia.

La Renault, che perderà il suo main sponsor Ing alla fine dell‘anno, e Toyota, sono considerate i suoi costruttori più inclini a lasciare la Formula Uno.

Max Mosley ha annunciato un limite facoltativo ai budget di 40 milioni di sterline (circa 45 milioni di euro) nel 2010, dicendo che questa misura è necessaria per la sopravvivenza della Formula Uno in un contesto di crisi economica mondiale.

Le scuderie che accetteranno i limiti disporranno di una maggiore libertà tecnologica. Ferrari e altri costruttori hanno minacciato di lasciare la Formula Uno se questa misura entrasse in vigore. Ritengono infatti che questa iniziativa produrrebbe una competizione iniqua.

“Sono sicuro che la Ferrari ci sarà ancora”, ha detto Mosley, che ha anche espresso la necessità di nuovi team.

“Dobbiamo fare in modo che la Formula Uno permetta a una scuderia indipendente di concorrere con profitto perché è una condizione per potere andare avanti”, ha aggiunto.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below