21 aprile 2009 / 09:36 / 9 anni fa

Il New York Times domina l'edizione 2009 del Premio Pulitzer

Di Robert MacMillan

<p>Il New York Times domina l'edizione 2009 del Premio Pulitzer. REUTERS/Shannon Stapleton</p>

NEW YORK (Reuters) - Il New York Times ha fatto incetta di premi Pulitzer, aggiudicandosi l‘ambito premio in cinque categorie, breaking news, giornalismo investigativo, reportage internazionali, fotografia e critica.

Il Las Vegas Sun ha vinto il premio più prestigioso, quello per il servizio pubblico, grazie alla sua inchiesta sull‘alto tasso di mortalità tra gli operai edili che lavorano nella strada principale di Las Vegas, la cosiddetta “strip”.

La forza degli articoli che si sono aggiudicati il premio conferma l‘importanza del giornalismo stampato, ha detto Sig Gissler, amministratore del Pulitzer. Un giornalismo stampato che è tra le categorie più colpite dalla crisi, con quotidiani costretti a eliminare intere sezioni del giornale, a ingenti tagli di personale e, in alcuni casi, a dichiarare bancarotta.

“Il ruolo di ‘cane da guardia’ dei giornali è ancora vivo”, ha detto Gissler. “Chi assumerebbe questo ruolo se non ci fossero i giornali?”

Nessuno dei premi assegnati è andato, però, ad articoli o a inchieste sulla crisi economica o finanziaria. Stagione deludente per il Wall Street Journal, che non si è aggiudicato nemmeno un riconoscimento.

Il quotidiano non ha ancora vinto un Pulitzer da quando è stato acquistato da Rupert Murdoch nel dicembre del 2007. Nei precedenti dieci anni, il Wall Street Journal aveva vinto premi Pulitzer in otto stagioni.

Quest‘anno, per la prima volta, il premio era aperto anche alle testate online, ma nessun quotidiano digitale si è aggiudicato un premio.

Il New York Times ha vinto la categoria delle breaking news grazie all‘inchiesta sullo scandalo a luci rosse che ha costretto alle dimissioni il governatore dello stato di New York Eliot Spitzer e quella dei reportage internazionali grazie ai servizi sulla situazione che stanno vivendo le truppe Usa in Afghanistan e Pakistan.

Il riconoscimento per il giornalismo investigativo è andato a David Barstow, sempre del New York Times, e alla sua inchiesta sui generali americani in pensione che, diventati commentatori per i media, sono stati cooptati dal Pentagono per scrivere pezzi che difendessero la guerra Usa in Iraq.

Il premio per la miglior fotografia il Times l‘ha vinto grazie a una foto del presidente Obama durante la campagna elettorale, mentre il riconoscimento per la sezione critica è andato a Holland Cotter, esperto d‘arte del giornale.

Il Times, in ogni caso, non ha battuto il record di Pulitzer in una stagione, detenuto dallo stesso quotidiano newyorchese, che si aggiudicò sette allori nel 2002.

.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below