7 aprile 2009 / 06:52 / tra 8 anni

Clima, compagnie aeree creano piano per ridurre emissioni

di David Fogarty

SINGAPORE (Reuters) - Quattro delle principali compagnie aeree mondiali hanno sottoscritto uno schema globale per ridurre le emissioni di anidride carbonica e hanno manifestato la speranza che questo schema sia incluso in un patto più ampio, definito dall‘Onu, per combattere il cambiamento climatico.

E’ la prima volta che l‘industria del trasporto aereo si riunisce per inviare raccomandazioni ai funzionari Onu per il settore climatico su come ridurre le emissioni di carbonio.

L‘aviazioni è responsabile di circa il 2% della produzione di gas serra e questo dato è destinato a salire, nonostante le richieste dell‘Unione Europea e dei principali gruppi ambientalisti affinché il settore aereo prenda dei provvedimenti in materia di inquinamento.

Air France/KLM, British Airways, Cathay Pacific, Virgin Atlantic, il gestore aeroportuale BAA e il gruppo internazionale NGO The Climate Group hanno avanzato una proposta che riguarda tutte le emissioni globali del settore aereo.

Questo assicurerà uguale trattamento a tutte le compagnie e consentirà di aprire trattative in materia di inquinamento all‘interno del settore e con altre industrie e paesi.

“Ci sono ancora compagnie aeree che pensano che il 2% di emissioni globali possa consentire di continuare a lavorare tranquillamente”, ha detto Mark Kenber, direttore del Climate Group e consigliere di governi e aziende in materia di riduzione delle emissioni inquinanti.

“Se le compagnie aeree non avanzeranno proposte valide dal punto di vista ambientale ed economico, saranno comunque invitate a fare qualcosa in qualche altro modo”, ha detto Kenber alla Reuters

La proposta dei sei membri del gruppo sarà sul tavolo dei negoziatori Onu il prossimo lunedì a Bonn, in Germania, dove i rappresentanti di 175 pesi si incontreranno per discutere del protocollo che dovrà sostituire quello di Kyoto.

Le trattative sul post-Kyoto proseguiranno anche nel meeting di Copenhagen, previsto per dicembre.

CHI INQUINA DEVE PAGARE

Gruppi come il Wwf hanno attaccato il settore aereo sostenendo che questo non abbia fatto abbastanza contro l‘emissione di gas serra, così come è stato fatto in altri settori.

Le emissioni totali del settore ammontano a circa 650 milioni di tonnellate di anidride carbonica all‘anno, stando ai dati dell‘Association of Asia-Pacific Airlines.

Molte compagnie aeree hanno invocato un accordo globale e hanno criticato l‘intenzione dell‘Ue di inserire l‘aviazione nel programma di riduzione delle emissioni del 2012.

Kenber ha detto che l‘Aviation Global Deal Group confida nell‘adesione di altre grandi compagnie e che trattative in questo senso sono state avviate con linee della zona Asia-Pacifico, del Medio Oriente e degli Stati Uniti.

Lo schema che sarà presentato lunedì prevede l‘introduzione di un tetto globale alle emissioni e che ogni bozza d‘accordo sia integrata nel protocollo generale che sostituirà Kyoto e che dovrebbe essere effettivo dal 2013.

Stando ai 43 punti della proposta, ogni linea aerea pagherà in base al quantitativo di emissioni prodotto annualmente. Un ente Onu amministrerà il sistema, compresa la vendita delle autorizzazioni, i cui proventi andranno divisi tra un fondo a favore delle nazioni in via di sviluppo affinché si adeguino al protocollo di Kyoto, un fondo per lo sviluppo di biocarburanti da utilizzare nel settore aereo e un‘iniziativa sostenuta dall‘Onu per salvare le foreste nei paesi più poveri.

Kenber ha detto che il prossimo passo del gruppo è l‘individuazione dei tetti per le emissioni, mentre l‘obiettivo ultimo è che questo schema venga adottato e studiato durante il secondo incontro tra gli intermediari Onu, in programma a Bonn il prossimo giugno.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below