2 aprile 2009 / 09:00 / 9 anni fa

Usa, cambiamento climatico può costare miliardi alla California

di Peter Henderson

<p>Un ragazzo fa il bagno. REUTERS/Amit Dave</p>

SAN FRANCISCO (Reuters) - Il cambiamento climatico potrebbe costare alla California decine di miliardi di dollari all‘anno per i prossimi anni, se il livello del mare dovesse continuare a salire e le calde giornate californiane dovessero costringere i cittadini a sovrautilizzare i condizionatori. Lo afferma una bozza di rapporto dello stato americano pubblicato ieri.

Le città maggiormente esposte al caldo potrebbe acquistare acqua dagli agricoltori e le foreste ad altitudine elevata beneficerebbero per gran parte del secolo del clima più caldo, ma una visione a lungo termine del cambiamento climatico rende evidente come i costi sarebbero più alti del previsto.

Molto dipende dall‘esito della battaglia mondiale contro il surriscaldamento della Terra.

“Il cambiamento climatico costerebbe alla California miliardi di dollari ogni anno”, si legge sul rapporto del Climate Action Team, aggiungendo che “i costi sarebbero sensibilmente minori se si riducessero le emissioni di gas serra”.

“Tutto considerato, oggi sono meno ottimista”, ha detto Michael Hanemann, economista,co-direttore del California Climate Change Center all‘Università della California, Berkeley e uno degli autori del rapporto.

Questo riassunto di 37 studi sul cambiamento climatico è l‘ultima di una serie di pubblicazioni che gli stati americani più popolosi presentano ogni due o tre anni, aggiungendo sempre ulteriori dettagli: “Come si può vedere nel dettaglio, la situazione sta peggiorando”, ha detto Hanemann in un‘intervista telefonica.

La California è uno degli stati Usa in prima linea nella lotta al cambiamento climatico, con obiettivi importanti come il taglio delle emissioni di carbonio entro il 2020, fino a giungere ai livelli del 1990. Un obiettivo che la legislazione federale potrebbe estendere a tutta la nazione.

Ulteriori 100 miliardi di dollari di perdita potrebbero derivare dalle inondazioni intorno alla Baia di San Francisco, se il livello del mare dovesse continuare a salire.

Il governatore della California Arnold Schwarzenegger, che vuole che i cittadini approvino miliardi di dollari di bond per finanziare i progetti idrici, è concentrato proprio sul problema della scarsità d‘acqua.

“Le più recenti ricerche sulla siccità dimostrano che le difficoltà attuali sono solo una piccola parte di quelle che saranno provocate in futuro dal cambiamento climatico”, ha detto Schwarzenegger.

Il rapporto chiude sostenendo che l‘impatto del cambiamento climatico sul settore dell‘acqua potrebbe anche essere modesto, ma che questo non sarebbe un problema in una situazione di mercato perfetto in cui le città possano costantemente comprare acqua dalle aziende: situazione che, però, non è reale.

Uno dei cambiamenti più importanti segnalati è quello che riguarda l‘uso di energia elettrica da parte dei californiani, che avrebbe un incremento del 55% entro la fine del secolo.

Il resoconto dell'Università della California è disponibile su here

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below