4 febbraio 2009 / 13:43 / tra 9 anni

Ricerca: madri trasmettono esperienze senza nemmeno insegnarle

di Maggie Fox, editorialista Sanità e Scienze

WASHINGTON (Reuters) - Le madri sono in grado di trasmettere le proprie esperienze ai figli senza nemmeno insegnarle: è quanto hanno riscontrato i ricercatori presentando i risultati di uno studio sorprendente, che dimostra come alcuni topolini abbiano ricevuto i benefici della “educazione” ricevuta dalla madre prima di restare incinta.

Lo studio dimostra che l‘ereditarietà può andare molto oltre alle classiche teorie genetiche, hanno scritto i ricercatori in un articolo sul Journal of Neuroscience.

Gli studiosi hanno riscontrato che una giovane topolina allevato in un ambiente più ricco, con giochi ed altri stimoli, trasmette i benefici delle sue conoscenze ai figli che mette al mondo una volta cresciuta.

Le madri che sono state stimolate non hanno semplicemente migliore abilità come genitori, poiché i ricercatori hanno dimostrato che i loro piccoli separati alla nascita continuano ad imparare meglio se le loro madri biologiche, non i genitori adottivi, sono state cresciute con giocattoli stimolanti.

“Ereditiamo a un certo livello alcuni aspetti dell‘esperienza dei genitori. Questo è un meccanismo protettivo che una madre trasmette alla sua prole”, ha detto Larry Feig, a professore di biochimica alla Tufts University School of Medicine a Boston, nel corso di un‘intervista telefonica.

“La madre è cambiata per mesi. Il suo cervello è cambiato in maniera tale che, quando è cresciuta abbastanza da restare gravida, quell‘effetto c’è ancora”, ha aggiunto Feig, che ha diretto lo studio, allevando assieme ai colleghi topi, alcuni in cassette normali con trucioli di legno ed altri in gabbie “arricchite” con scatolette, una ruota per la corsa, e materiali da riordinare per la tana.

Gli studiosi hanno messo alla prova le capacità di apprendimento con una spiacevole “stanza shock” per indurre alla paura i topolini.

Quelli nati da madri allevate nelle gabbie più ricche di stimoli hanno imparato molto più rapidamente che la “stanza shock” era un posto di cui aver paura, ha riscontrato la squadra di Feig. E questo si è verificato anche quando le madri non erano rimaste incinte se non settimane dopo aver vissuto nelle gabbiette speciali.

NEI CERVELLI DEI TOPOLINI

Quando i ricercatori hanno esaminato i cervelli di questi topolini, hanno riscontrato evidenti cambiamenti in quel, che hanno definito potenziamento a lungo termine, una misura di come le cellule nervose possono comunicare l‘un l‘altra. Questi cambiamenti sono stati ereditati dai piccoli, anche quando non hanno mai visto un giocattolo o una ruota per la corsa.

Feig afferma che è un mistero cosa sia cambiato. “Probabilmente è un qualche effetto ormonale”, dice.

Apprendimento e stimolazione possono alzare i livelli di ormoni, non sa quali, e questi livelli possono durare per una parte della vita dell‘animale ed influenzare il feto in fase di sviluppo.

“Ci sono molte prove che durante lo sviluppo embrionale la prole sia molto sensibile a quello al quale ma madre è esposta”, dice Feig, compreso cibo, sostanze chimiche e forse ormoni.

Dean Hartley, ricercatore di neuroscienze al Rush University Medical Center in Chicago che ha collaborato allo studio, dice che questo può agire in due modi. “questo significa che un ambiente non arricchito può avere un effetto negativo?. Poichè l‘ambiente può influenzarci in entrambi i modi, nel bene e nel male, dobbiamo stare attenti all‘ambiente cui si è esposti nella fase di gravidanza”.

I cambiamenti durano una sola generazione, dimostrando che il dna non è mutato in modo permanente. I ricercatori stanno imparando che la funzione dna può essere alterata senza cambiare il codice genetico in sè.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below