19 gennaio 2009 / 11:49 / 9 anni fa

Cinema, Mariah Carey con "Push" al Sundance

di Alex Dobuzinskis

<p>L'attrice Mariah Carey alla premiere del film "Push" al Sundance Film Festival a Park City, Utah. REUTERS/Lucas Jackson (UNITED STATES)</p>

PARK CITY, Utah (Reuters) - La cantante Mariah Carey si è presa una pausa dal mondo della musica pop per recitare in un nuovo film, “Push”, ma diversamente dal suo ruolo da protagonista nel semi-autobiografico “Glitter”, l‘artista ha optato per un ruolo secondario in questo racconto dai toni spesso cupi.

Infatti la vera star di “Push”, che ha fatto il suo debutto questo weekend al Sundance Film Festival, è un‘attrice sconosciuta di Harlem, Gabourney Sidibe, nel ruolo di una sedicenne obesa e oppressa di nome “Precious” Jones, che viene messa incinta dal padre e picchiata dalla madre.

Ma la ragazza ha anche degli adulti che cercano di aiutarla, e tra questi c’è un‘assistente sociale, Mrs. Weiss, interpretata da Mariah Carey.

Con i capelli lisci e atteggiamento risolut, Mrs. Weiss è molto lontana dal ruolo che la Carey ha interpretato in “Glitter” nel 2001, che prendeva spunto dalla sua stessa esperienza dell‘arrivo al successo nel mondo della musica pop.

“Glitter” era stato stroncato dalla critica, e aveva incassato solo 5,3 milioni di dollari in totale ai botteghini e da allora, la Carey è apparsa in pochi film, per la maggior parte trasmessi solo in tv o usciti in dvd o fuori dagli Usa.

“Push” è basato su un romanzo best seller ed è diretto da Lee Daniels, regista di “Monster’s Ball”, per cui Halle Berry ha vinto l‘Oscar come miglior attrice protagonista.

Insomma, a Sundance era tanta la curiosità di vedere la performance della Carey e almeno la prima critica è stata positiva.

La rivista Daily Variety ha definito “Push” un film “coraggioso e che non concede compromessi”, e ha aggiunto che “una tra le tante belle sorprese del film è Mariah Carey, perfetta nel ruolo di assistente sociale”.

In “Push”, l‘attrice ha scelto la parte piccola ma cruciale di una donna che cerca di districare la mostruosa vita familiare di Precious, fatta di abusi e maternità precoce.

“Mrs. Weiss è una sorta di occhio del pubblico, della gente che non conosce nessuno così nella sua vita”, ha detto Carey ai giornalisti nei giorni scorsi.

“Certo, lo fa per lavoro... ma è anche una persona che affronta quelle cose terribili ogni giorno e questo la fa cambiare”, ha aggiunto parlando della gamma di emozioni che ha dovuto mostrare nel ruolo di Mrs. Weiss.

Nonostante la storia triste, il film ha provocato qualche risata del pubblico del Sundance per alcune scene comiche sui sogni surreali che Precious crea per evadere, come quello in cui la ragazza immagina se stessa e sua madre trasportate in un film di Sophia Loren trasmesso in tv.

“Push” è basato sull‘omonimo romanzo della scrittrice newyorchese Sapphire.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below