20 febbraio 2008 / 09:32 / tra 10 anni

Rana preistorica gigante si nutriva forse di dinosauri

<p>Immagine d'archivio di una rana. REUTERS/Tm Wimborne PP04110153 TBW/CN</p>

di Will Dunham

WASHINGTON (Reuters) - E’ stata la rana più grande e ggressiva mai affacciatasi sulla Terra.

Alcuni scienziati hanno annunciato ieri la scoperta di un esemplare di Rana Beelze (la “devil frog”), un corpulento anfibio del Madagascar nordoccidentale vissuto tra i 65 e i 70 milioni di anni fa e che probabilmente su nutriva di cuccioli di dinosauro.

Grossa più di qualsiasi altra rana esistente oggi, potrebbe essere la più grande mai esistita, secondo il paleontologo David Krause della Stony Brook University di Stony Brook, New York, uno degli scienziati che ne ha rinvenuto i resti.

Il suo nome, Beelzebufo Ampinga, proviene dalla parola greca Beelzebub, che significa diavolo, e da Bufo, parola latina per rospo. Ampinga significa scudo, in riferimento all‘anatomia dell‘animale.

Beelzebufo era lungo 41 cm e pasava circa 4,5 chili.

Aveva una struttura corporea possente e un‘ampia bocca con forti mascelle.

“E’ probabile che Beelzebufo si nutrisse di lucertole, mammiferi, piccole rane, e persino di dinoisauri, considerando le sue dimensioni”, ha detto Krause in un‘intervista telefonica.

“Doveva essere abbastanza aggressivo”, ha aggiunto la paleontologa Susan Evans dell‘University College di Londra.

Le loro scoperte sono state pubblicate nella rivista Proceedings della National Academy of Sciences.

Anche se vissuto in un altro continente, Beelzebufo sembra essere in relazione con un ceppo di anfibi che vive ora in Sud America, hanno detto gli scienziati. Questo gruppo viene chiamato “Pac-Man”, a causa dell‘enorme bocca. Alcune hanno anche delle piccole corna sulla testa, e gli scienziati pensano che anche Beelzebufo potrebbe aver avuto delle corna simili.

La relazione con il gruppo di rane sudamericane è un‘altra prova dell‘antico collegamento terrestre esistente tra il Madagascar, l‘Antartico (allora più caldo) e l‘America del Sud, hanno detto Krause e Evans.

RE DEI ROSPI

La prima rana compare circa 180 milioni di anni fa, e la sua struttura corporea è rimasta praticamente immutata fino al giorno d‘oggi.

Beelzebufo è vissuto durante il periodo cretaceo, alla fine dell‘età dei dinosauri, andati estinti insieme a molte altre specie 65 milioni di anni fa, quando un grosso meteorite colpì la Terra.

Secondo gli scienziati, Beelzebufo non viveva in un ambiente acquatico, ma in uno semi-arido, dove cacciava come molte specie sue simili di oggi.

Il primo frammentario fossile fu rinvenuto nel 1993, e da allora tutti i resti ritrovati sono stati assemblati come i pezzi di un puzzle, ha detto Krause.

Anche se il più grande tra le rane, Beelzebufo non è l‘anfibio più grande mai vissuto: alcuni hanno raggiunto dimensioni di nove metri, come Prionosuchus, simile al coccodrillo e vissuto circa 250 milioni di anni fa.

La rana più grande oggi esistente è la “rana golia”, vive in Africa Occidentale ed è lunga 32 cm per un peso di 3,3 kg.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below