28 dicembre 2007 / 10:07 / tra 10 anni

Papa ricorda cristiani perseguitati nel mondo: martiri moderni

CITTA’ DEL VATICANO (Reuters) - Il Papa ha voluto ricordare nel giorno di Santo Stefano che in alcune parti del mondo anche oggi continua il martirio cristiano.

<p>Il Papa durante la celebrazione della messa di Santo Stefano in Piazza San Pietro. REUTERS/Alessandro Bianchi</p>

“Non di rado anche oggi giungono notizie da varie parti del mondo di missionari, sacerdoti, vescovi, religiosi, religiose e fedeli laici perseguitati, imprigionati, torturati, privati della libertà o impediti nell‘esercitarla perché discepoli di Cristo e apostoli del Vangelo”, ha detto Benedetto prima dell‘Angelus ai fedeli raccolti in Piazza San Pietro.

Il Pontefice ha aggiunto che “il martire cristiano attualizza la vittoria dell‘amore sull‘odio e sulla morte”, nel giorno in cui la Chiesa ricorda il suo primo martire, e ha sottolineato la “caratteristica distintiva del martirio cristiano: esso è esclusivamente un atto d‘amore, verso Dio e verso gli uomini, compresi i persecutori”.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below