3 agosto 2008 / 09:50 / 9 anni fa

Olimpiadi,musica in piazza Tienanmen,Cina ammonisce manifestanti

* Una orchestra di giovani si esibisce in piazza Tienanmen

<p>Tramonto su piazza Tienanmen, a Pechino. REUTERS/Stefano Rellandini (CHINA)</p>

* I manifestanti hanno obbligo di cinque giorni di preavviso

* Terzo giorno di bel tempo a Pechino

di Chris Buckley

PECHINO (Reuters) - Decisa a mostrare al mondo un volto moderno ed evitare motivi di imbarazzo durante le Olimpiadi, la Cina ha permesso per la prima volta a una orchestra straniera di esibirsi in piazza Tienanmen oggi, ma ha anche lanciato un avviso ai manifestanti.

Gli oppositori hanno difatti approfittato dei Giochi per fare pressione su Pechino sulle sue politiche di repressione del dissenso, in particolare in Tibet.

Una orchestra di 2.008 giovani musicisti da tutto il mondo è stato oggi il primo gruppo straniero ad esibirsi in piazza Tienanmen, la piazza simbolo delle proteste studentesche del 1989.

“Questo è un messaggio significativo da parte dei cinesi per dire che la Cina è ora aperta al mondo”, ha detto a Reuters uno dei partecipanti, Max Ronquillo, a capo della Guam Territorial Band. “Oggi facciamo storia”.

Ad appena cinque giorni dall‘inaugurazione dei Giochi l‘8 agosto, Pechino ha individuato tre parchi per eventuali manifestazioni, ma chi vorrà organizzarle dovrà farne richiesta cinque giorni prima.

E “i cittadini non devono danneggiare gli interessi nazionali, sociali e collettivi”, ha dichiarato in una nota Liu Shaowu, capo della sicurezza del Comitato organizzatore dei Giochi di Pechino.

Le Olimpiadi hanno galvanizzato i critici della Cina su una serie di questioni, dal trattamento dei dissidenti nel Paese alla censura su Internet, alla politica sul conflitto in Darfur.

Per gestire le manifestazioni anti-governative e le minacce terroristiche è stata predisposta una forza di sicurezza di 100.000 uomini.

I Giochi hanno dato alla nazione più popolosa del mondo, considerata da molti come una superpotenza in grado di concorrere con gli Stati Uniti, una opportunità senza precedenti di mettere in luce i suoi meriti.

Secondi nel medagliere di Atene nel 2004, gli atleti cinesi sperano di fare ancora meglio questa volta, superando il team Usa.

I visitatori si radunano in gran numero intorno al principale sito olimpico -- lo stadio nazionale “Nido d‘uccello” - e ad altri imponenti nuovi edifici espressione fisica di ciò che la Cina vuole apparire.

CLIMA DI FESTA

Gli abitanti di Pechino, insieme a un esercito di 30.000 giornalisti -- che superano gli atleti per 3-1 -- hanno potuto cogliere sabato notte un esempio di quella che sarà la più costosa cerimonia olimpica della storia.

I fuochi d‘artificio hanno illuminato lo skyline di Pechino mentre migliaia di operai e un gruppo di giornalisti che hanno giurato segretezza, hanno assistito alla prova dei costumi dell‘evento.

“Una performance splendida alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi è di grande importanza”, ha detto Li Changchun, leader del partito comunista responsabile della cultura e della propaganda dopo aver assistito alla cerimonia.

Con due milioni circa di visitatori attesi in Cina per le Olimpiadi, una atmosfera carnevalesca ha iniziato a prendere forma nelle strade, dove oggi la gente sfoggiava pantaloncini e magliette sotto il sole, dopo settimane di smog.

La pioggia e le drastiche misure anti-inquinamenti, come il blocco del traffico per 3,3 milioni di veicoli in città e la chiusura delle fabbriche, hanno aiutato a rendere il cielo più pulito.

Molti atleti scrupolosi tuttavia stanno aspettando l‘ultimo minuto prima di partire.

Le previsioni oggi indicano un 41% di possibilità di pioggia per l‘inaugurazione di venerdì.

“Escludiamo pioggia incessante”, ha detto il vice direttore del centro meteorologico di Pechino,. “Tuttavia non escludiamo che l‘8 agosto possa esserci pioggia a sprazzi”.

Il mese di agosto segna il picco della stagione delle piogge in Cina. Ma non sarà questo l‘unico imprevisto per venerdì. Alcuni gruppi di attivisti hanno invitato gli atleti a mostrare alla cerimonia, o durante le gare, proteste discrete come fare il segno “T” per Tibet, con le dita. Come le autorità cinesi gestiranno un simile contrattempo, con milioni di persone nel mondo davanti alla tv, resta una domanda aperta.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below