22 settembre 2008 / 08:42 / tra 9 anni

Usa, il baseball saluta per l'ultima volta lo Yankee Stadium

NEW YORK (Reuters) - Il baseball ha detto ieri addio allo Yankee Stadium, che dopo 85 anni ha chiuso i battenti con celebrazioni alla sua grande storia e un‘ultima partita che giocatori e spettatori avrebbero voluto non finisse mai.

<p>Immagine dell'ex battitore dei New York Yankees Babe Ruth durante la cerimonia di chiusura dello Yankees Stadium. REUTERS/Mike Segar (Usa)</p>

I New York Yankees hanno battuto i Baltimore Orioles per 7-3, in una partita che non avrebbe dato qualificazioni o premi, ma che ha elettrizzato i tifosi presenti.

La cerimonia del pre-partita, degna di uno spettacolo di Brodway, ha rievocato in musica i grandi eventi del passato dello Yankee Stradium. Sul palco, sono saliti i giocatori di oggi e di ieri, con alcuni attori che indossavano fac-simile di divise di grandi eroi della squadra che ora non ci sono più, come Joe Di Maggio e Babe Ruth, il battitore grazie a cui gli Yankees poterono costruire la struttura, una delle più maestose dell‘epoca.

La squadra giocherà la prossima stagione nel nuovo stadio Yankee da 1,3 miliardi di dollari, che sorge a fianco di quello vecchio.

Gli Yankees hanno vinto tutti e 26 i campionati World Series a cui hanno partecipato da quando lo stadio fu aperto nel 1923.

Lo stadio ha anche ospitato le Messe celebrate da tre diversi papi, grandi incontri di boxe, e un discorso di Nelson Mandela a pochi giorni dalla sua liberazione. Era stato ristrutturato dopo la stagione del 1973.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below