18 maggio 2009 / 05:43 / 9 anni fa

MONETARIO - Cosa succede oggi, lunedì 18 maggio

* A fine 2008, l‘Italia era al 23esimo posto per i salari sulla lista dei 30 paesi che fanno parte del l‘Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico secondo uno studio annuale dell‘Ocse sulle imposte sui salari. [ID:nMIE54G07K]

In un‘intervista a Repubblica il ministro del Lavoro Maurizio Sacconi ha detto che è ora di legare le retribuzioni agli utili aziendali e che si pensa a forme di azionariato dei dipendenti.

* La settimana inizia con un‘agenda scarna. Sono soltanto due gli indicatori di rilievo attesi a livello internazionale: il rapporto Tankan di maggio (1,30), un barometro dell‘andamento dell‘economia nipponica, e il dato sul commercio estero nella zona euro di marzo.

* La giornata di venerdì scorso è stata dominata da una raffica di dati in Europa e negli Stati Uniti. Per quanto riguarda il versante della crescita (anzi, della decrescita, alla luce della crisi economica), il Pil della zona euro nel primo trimestre ha registrato una contrazione del 2,5%, facendo peggio delle attese. Particolarmente eclatante la flessione in Germania, pari al 3,8%, mentre la Francia ha limitato la frenata all‘1,2%.

*L‘Italia ha visto il Pil ridursi del 2,4% rispetto al trimestre precedente e del 5,9% su anno: si tratta del risultato peggiore dall‘inizio delle serie storiche, nel 1980. Ma sulla crisi globale, secondo quanto dichiarato dal ministro dell‘Economia Giulio Tremonti al Corriere della Sera di sabato, è stato superato “il rischio apocalisse”. [ID:nMIE54F00Q]

* Per quanto riguarda l‘inflazione, l‘indice Nic dei prezzi al consumo italiano ha registrato, in aprile, un rialzo dello 0,2% su mese e dell‘1,2% tendenziale. I dati sono stati rivisti al ribasso di un decimo di punto rispetto alle stime preliminari.

* Restando in tema di inflazione ma guardando agli Usa, ad aprile i prezzi al consumo sono scesi dello 0,1% rispetto al mese precedente e dello 0,7% su base annua. Gli Stati Uniti hanno visto la pubblicazione di diversi dati, che hanno fornito indicazioni complessivamente positive sull‘andamento dell‘economia, provocando un‘accelerazione delle borse e una flessione dell‘obbligazionario.

* Questo mese la fiducia del settore manifatturiero in Giappone è risalita, dai minimi record, di 7 punti a -69 secondo il sondaggio Reuters Tankan, alimentando la speranza che, con il primo trimestre, l‘economia nipponica abbia toccato il fondo.

* Il greggio CLc1 consolida sopra i 56 dollari al barile negli scambi asiatici, dopo aver perso il 4% nella seduta precedente, aspettando di ricevere direzione da nuovi dati macro e dai movimenti delle borse.

* I Treasuries Usa hanno ripiegato venerdì, rialzando i rendimenti dai minimi delle ultime due settimane, dopo che gli ultimi dati macro hanno riacceso le attese di una ripresa dell‘economia. Nel finale, il tasso del benchmark decennale US10YT=RR è salito al 3,14% dal 3,10% del giorno precedente.

DATI MACROECONOMICI

ZONA EURO

* Commercio estero marzo (11,00).

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below