26 febbraio 2010 / 06:50 / tra 8 anni

MONETARIO - Cosa succede oggi venerdì 26 febbraio

* Sul fronte inflazione, si attendono dall‘Italia i prezzi alla produzione di gennaio e dalla Germania il preliminare dei prezzi al consumo di febbraio. Dalla zona euro arriverà invece il dato finale dei prezzi al consumo di gennaio, con attese di una contrazione mensile dello 0,8% e un rialzo congiunturale dell‘1%.

* Spazio anche alla lettura dell‘indice economico Conference Board relativo a gennaio. Il leading economic index per la zona euro era risultato in dicembre in rialzo dello 0,9%, a 106,6 punti. Il gruppo di ricerca del Conference board, che elabora l‘indice, ha sottolineato però che il ritmo di ripresa economica potrebbe rallentare.

* Numerosi i dati economici diffusi sul fronte giapponese, a cominciare dall‘indice Pmi manifatturiero, rimasto invariato in febbraio a quota 52,5. Si confermano poi le pressioni inflazionistiche in atto sull‘economia, che potrebbero spingere la Banca del Giappone a ulteriori misure di stimolo monetario: l‘indice cpi in gennaio ha fatto segnare una contrazione dell‘1,3% su base annua, l‘undicesima rilevazione negativa consecutiva. Per l‘area di Tokio, il cpi relativo a febbraio (diffuso con un mese d‘anticipo rispetto a quello nazionale) fa segnare un calo dell‘1,8%.

Sul fronte della produzione industriale gennaio mostra un incremento del 2,5% tendenziale (dato migliorte delle attese, fissate a +1%). Salgono anche le vendite al dettaglio sempre in gennaio, con un +2,6%, anche qui una rilevazione ampiamente sopra le stime.

Nel comparto edilizio si registra una contrazione dell‘8,1% per i nuovi cantiere residenziali avviati in gennaio. Si tratta del quattordicesimo dato consecutivo in flessione, ma è comunque superiore alle attese, che erano state fissate a -11,6%.

* Il credito bancario in Cina potrebbe superare i 700 miliardi di yuan (102 miliardi di dollari) in febbraio, secondo fonti del settore. Lo riferisce l‘agenzia ufficiale Shanghai Securities News. Sarebbe una conferma del forte andamento dei prestiti visto in gennaio, che spinse la banca centrale cinese ad adottare diverse misure di irrigidimento della politica monetaria.

* Greggio in risalita sopra i 78 dollari nelle contrattazione della notte in Asia. È il dollaro che si indebolisce a sostenere le quotazioni petrolifere, che allo stesso tempo devono fare i conti con i persistenti dubbi sulla reale entità della ripresa americana. Focus sui numerosi dati Usa di oggi, in particolare sulla seconda lettura del pil del quarto trimestre, dopo i numeri deludenti di ieri sul mercato del lavoro. La prima rilevazione sul pil aveva mostrato un‘espansione pari al 5,7%.

Alle 7,00 il future sul Nymex CLc1 tratta a 78,48 dollari (+0,30), metre il future Brent LCOc1 a 76,63 (+0,34).

* Treasuries Usa sostanzialmente stabili in Asia, dopo gli ampi guadagni di ieri. Anche sul mercato dei governativi l‘attenzione va ai dati economici di oggi, in cerca di indicazioni sulla tenuta della crescita negli Stati Uniti.

Secondo gli operatori, il persistere dei timori legati alla sostenibilità del debito di alcuni paesi dell‘area euro, come la Grecia, potrebbe comunque offrire ulteriore sostegno nelle prossime ore ai titoli di Stato ritenuti più sicuri come il Treasury.

Alle 7,00 il Benchmark decennale Usa US10YT=RR arretra di 2/32 sui valori di riferimento di ieri, con rendimento al 3,64%.

DATI MACROECONOMICI

ITALIA

* Istat, lavoro e retribuzioni grandi imprese dicembre (10,00)

* Istat, prezzi alla produzione gennaio (11,00) - attesa 0,2% m/m; -0,6% a/a

GERMANIA

* Stima prezzi al consumo febbraio - attesa dato nazionale 0,5% m/m; 0,7% a/a; dato armonizzato 0,5% m/m; 0,6% a/a

GRAN BRETAGNA

* Revisione Pil 4° trimestre (10,30) - attesa 0,2% t/t; -3,1% a/a

SPAGNA

* Stima inflazione febbraio (9,00)

ZONA EURO

* Dato finale prezzi al consumo gennaio (11,00) - attesa -0,8% m/m; 1,0% a/a

USA

* Revisione permessi nuove case gennaio (14,30)

* Stima Pil 4° trimestre (14,30) - attesa 5,7%

* Pce 4° trimestre (14,30) - attesa 2,7%

* Ism New York febbraio (14,30)

* Pmi Chicago febbraio (15,55) - attesa 60,0

* Dato finale indice consumatori Univ. Michigan febbraio (15,55) - attesa 74,0

* Vendita case gennaio (16,00) - attesa 5,5 milioni

BANCHE CENTRALI

USA

* A New York interventi Evans (Fed Chicago) e Tarallo a forum su politica monetaria 2010 (19,30).

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below