12 gennaio 2010 / 06:41 / tra 8 anni

MONETARIO - Cosa succede oggi martedì 12 gennaio

* La Cina nella notte in occasione delle sue aste di rifinanziamento ha mostrato di voler stringere i cordoni della liquidità a breve termine a un ritmo più veloce di quanto ci si aspettasse in risposta alle crescenti preoccupazioni per l‘esplodere dell‘economia. La Banca centrale cinese ha alzato il rendimento dei titoli a un anno di circa 8 punti base a 1,8434% dopo che era rimasto stabile per 20 aste e contro attese di un rialzo di 4 pb. Inoltre ha drenato la cifra record di 200 mld di yuan attraverso un‘operazione di riacquisto.

* Il funzionario di un fondo sovrano cinesa ha detto che il dollaro ha toccato il fondo e ha poco spazio per scndere ancora, mentre lo yne continuerà a scendere.

* A Bruxelles oggi audizione Joaquin Almunia in Parlamento Ue, Commissario designato alla concorrenza Ue.

* Sul fronte Usa l‘appuntamento principale sarà questa serà con l‘asta di titoli di Stato a tre anni per 40 miliardi di dollari, mentre dal lato macro il dato di maggior interesse è quello della bilancia commerciale, attesa con un peggioramento del deficit.

* Arrivano oggi sul mercato i nuovi Bot: 3,3 miliardi per il 3 mesi, 7,5 miliardi per il 12.

Asta di titoli a breve anche per la Grecia (circa 1,6 miliardi di euro), rispetto alla quale il ministro delle Finanze di Atene ha detto di aspettarsi una domanda “abbondante”.

In Europa tuttavia il giorno clou, cui guardano tutti gli operatori, sarà mercoledì, con le aste di titoli a lunga di Italia e Germania.

* Treasury Usa ieri hanno chiuso per lo più al rialzo ieri visto la debolezza della borse e, di contro una buona domanda all‘asta del Tesoro Usa di titoli Tips (indicizzati all‘inflazione) a 10 anni, offerti per 10 miliardi di dollari.

Tuttavia il rialoz è stato limitato dal fatto che gli investitori devono fare spazio all‘enorme qunatità di titoli corporate e di stato offerti questa settimana. Il decennale benchmark ha chiuso in rialzo di 2/32 a 96-1/32 per un rendiemnto del 3,83%.

* Il greggio Usa sul finire della seduta asiatica arretra dopo che ieri aveva toccato il massimo di 15 mesi. Hanno influito le nuove previsioni metereologiche che indicano tempoerature più miti delle attese in arrivo. Attorno alle ore 7,30 italiane il futures a febbario sul greggio Usa è a 82,03 dollari il barile in calo di 48 centesimi, mentre lo stesso contratto sul Brent è a 80,40 dollari in calo di 57 centesimi.

DATI MACROECONOMICI

USA

* Commercio estero novembre (14,30) - attesa -34,8 miliardi

ASTE DI TITOLI DI STATO ITALIA

* Tesoro, asta 3,5 mld Bot a 3 mesi (90 gg) e 7,5 mld Bot a 12 mesi (364 gg)

USA

* Tesoro, asta 40 miliardi dollari Titoli di Stato a 3 anni (19,00)

BANCHE CENTRALI

USA

* A Filadelfia intervento Plosser, Fed (1,00)

ZONA EURO

* A Parigi indagine trimestrale Banca di Francia.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below