December 13, 2016 / 10:54 AM / 2 years ago

PUNTO 1-Italia, produzione ferma ad ottobre prelude a trimestre di assestamento

(Aggiunge dettagli, commento)
    di Elvira Pollina e Antonella Cinelli
    MILANO/ROMA, 13 dicembre (Reuters) - La produzione
industriale italiana è rimasta ferma in Italia ad ottobre,
deludendo le attese degli analisti, secondo cui il dato odierno
potrebbe essere il preludio di un quarto trimestre di
assestamento per l'industria dopo la buona perfomance registrata
durante l'estate.
    Nel dettaglio, la produzione ha registrato una variazione
nulla su mese dopo la contrazione di -0,8% segnato a settembre,
che non aveva impedito di archiviare il trimestre migliore da
sei anni, con una crescita di 1,2%. 
    La mediana delle attese degli economisti prospettava un
lieve rimbalzo congiunturale di 0,2%. A perimetro annuo la
crescita ha registrato una frenata a 1,3% da +1,9% (rivisto da
+1,8%) di settembre, a fronte di attese lievemente migliori
(+1,4%).
    "L'ingresso nel quarto trimestre non è brillante e, anche se
le indagini qualitative di settore continuano a segnalare una
fase positiva dell'attività, i dati degli ultimi mesi dell'anno
saranno presumibilmente condizionati negativamente dai ponti
festivi all'inizio di novembre e di dicembre", commenta Loredana
Federico, economista di UniCredit, che si aspetta dunque un
trimestre di assestamento.      
    Nella media dei primi dieci mesi dell'anno la produzione è
cresciuta dell'1,1% rispetto allo stesso periodo dell'anno
precedente.
    
    ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
       Per una sintesi grafica dei principal indicatori     
dell'economia italiana clic su http:/tmsnrt.rs/2bxVe8n
    
    ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
    L'economia italiana ha archiviato il terzo trimestre con una
crescita di 0,3% e nei primi nove mesi dell'anno ha acquisito
una crescita di 0,9%, già oltre l'obiettivo per l'intero anno 
(0,8%) inserito nell'ultima nota di aggiornamento al Documento
di economia e finanza.
    Gli economisti si aspettano che la fase espansiva del Pil
prosegua nell'ultima frazione d'anno a un ritmo meno intenso che
nei mesi estivi. 
    Per l'anno prossimo, il Tesoro si attende che il Pil cresca
di 1%, una previsione non dissimile da quella dell'Ocse e della
Commissione Ue (+0,9%). 
    Ma su queste stime pende l'incognita dell'evoluzione del
quadro politico dopo le dimissioni del governo di Matteo Renzi,
a seguito della sconfitta al referendum costituzionale del 4
dicembre e l'entrata in carica di un esecutivo di transizione.
    Guidato dall'ex ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, il
nuovo governo dovrebbe gestire la delicata fase di
consolidamento del settore bancario e traghettare il Paese verso
nuove elezioni, che si terranno probabilmente con un anno di
anticipo rispetto alla naturale scadenza della legislatura nel
2018.

    
    
    Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana
con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono
digitare nel Search Box di Eikon "Pagina Italia" o "Panorama
Italia" 
    
    Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia
0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below