9 novembre 2010 / 18:58 / tra 7 anni

PUNTO 1 - Pop Milano, utile netto 9 mesi -40%, recupera in trim3

(aggiunge altri dettagli da nota)

MILANO, 9 novembre (Reuters) - Banca Popolare di Milano PMII.MI ha chiuso i primi nove mesi del 2010 con un utile netto di 108 milioni di euro, in calo del 40,4% rispetto allo stesso periodo dell‘anno precedente.

Lo dice una nota dell‘istituto spiegando che nel solo terzo trimestre l‘utile si è attestato a 37,7 milioni evidenziando un rialzo dell‘87,6% rispetto al trimestre precedente.

Nel terzo trimestre del 2009 l‘utile della banca milanese era pari a 56,85 milioni.

I ricavi operativi nel periodo gennaio-settembre di quest‘anno sono scesi del 16,1% a 1,2 miliardi circa e risentono di un margine di interesse diminuito del 21,5% a 545,3 milioni, solo in parte compensato dalle commissioni nette che mostrano un progresso del 10,9% a 504,9 milioni.

In netto peggioramento il risultato netto dell‘attività finanziaria che scivola a 95,6 milioni (-60,7%)

Dopo costi operativi aumentati del 2,5% a 864,5 milioni (sostanzialmente stabili invece i costi del personale), il risultato della gestione operativa peggiora del 43,5% a 325 milioni circa.

Sul fronte dei ratios patrimoniali, a fine settembre il Core Tier I si attesta al 7,4% da 7,7% della fine del primo semestre, il Tier I all‘8,2% (dall‘8,4%) e il total capital ratio all‘11,8% (dal 12,3%)

Gli impieghi sono pari a 34,7 miliardi, in crescita del 5,6% rispetto a fine 2009, la raccolta diretta è stabile a 35,6 miliardi, quella indiretta è in leggera flessione dell‘1,1% a 45,2 miliardi.

SCENDONO RETTIFICHE, MIGLIORA COSTO CREDITO

Le rettifiche nette su crediti e altre operazioni mostrano un calo del 40,7% su anno a 152,1 milioni di euro.

Il costo del credito, espresso dal rapporto tra le rettifiche di valore su crediti e altre operazioni sul totale dei crediti verso la clientela, si attesta a 58 punti base in calo rispetto ai 106 punti base del 30 settembre del 2009.

Il costo stimato per l‘operazione di trasformazione proposta ai clienti detentori di polizze con sottostanti titoli islandesi ha comportato una crescita degli accantonamenti per rischi e oneri che a fine periodo si attestano a 60,8 milioni.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below