29 ottobre 2009 / 18:15 / 8 anni fa

PUNTO 1-Luxottica, utile netto trim3 cala a 83 mln, ricavi +0,9%

(aggiunge dettagli da conference call da sesto pragrafo)

MILANO, 29 ottobre (Reuters) - Luxottica (LUX.MI) ha riportato nel terzo trimestre un utile netto in calo del 20,6% a 83,1 milioni, su ricavi per 1,22 miliardi (+0,9% a cambi correnti).

L‘Ebitda è calato del 17,3% a 214 milioni. L‘utile per azione si attesta a 0,18 euro (-20,7%).

Nel trimestre è stata raggiunta una generazione di cassa di 207 milioni da 186 milioni di un anno prima. Il free cash flow, insieme al “favorevole impatto” del tasso di cambio, ha portato a una riduzione del debito netto a fine settembre a 2,4 miliardi da 2,6 miliardi di fine giugno. Il rapporto debito netto/Ebitda è migliorato a 2,66 da 2,7 di fine giugno.

Sostanzialmente invariati, rispetto a un anno prima, i ricavi della divisione wholesale pari a 429,8 milioni, mentre il fatturato della divisione retail è salito a 793,8 milioni da 782,2 milioni.

Nei nove mesi l‘utile netto è diminuito del 18,1% a 279,2 milioni su ricavi per 3,9 miliardi (-0,7% a cambi correnti).

In conference call l‘AD Andrea Guerra ha ripetuto quanto dichiarato oggi in assemblea sulle prospettive per il 2009. Il gruppo guarda con fiducia al prossimo anno e punta a far crescere il fatturato in modo solido, la redditività in maniera più che proporzionale (rispetto ai ricavi), con una forte generazione di cassa e un miglioramento della leva finanziaria, con un rapporto debito/netto sotto 2,5.

In termini di vendite, il target di Luxottica è di tornare a una crescita “mid-single-digit”, ha sottolineato l‘AD.

Per quanto riguarda il 2009, lo scorso marzo la società aveva tracciato tre possibili scenari a cambi correnti: vendite in crescita del 6,5% e utile netto invariato; vendite tra +2,5% e stabili, utile netto in calo del 15-20%; infine, lo scenario peggiore che vede fatturato -2-6%, profitti netti in contrazione del 30-40%.

Allo stato attuale, hanno spiegato Guerra e il direttore finanziario Andrea Cavatorta, la situazione oscilla tra lo scenario con vendite +6,5% e vendite +2,5%-flat.

Finora il 2009 si è rivelato un anno “veramente difficile” e i primi nove mesi “i più difficili negli ultimi dieci anni”.

Riguardo al piano di chiusure e aperture dei negozi, Guerra ha sottolineato che dall‘inizio dell‘anno sono stati chiusi 262 punti vendita, aperti 159, con un saldo netto negativo di 103, di cui il 90% ha interessato gli Stati Uniti.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below