29 agosto 2008 / 06:24 / tra 9 anni

Banca Mps, utile netto primo semestre 522,2 milioni di euro

di Stefano Bernabei

ROMA (Reuters) - Banca Mps ha chiuso il primo semestre con un risultato netto di 522,2 milioni di euro in crescita rispetto ai 513,8 milioni dello stesso periodo dell‘anno prima.

Il dato incorpora il contributo della Banca Antonveneta per il solo mese di giugno pari a 40 milioni di euro. Nel semestre sono stati sostenuti oneri per integrazione dell‘acquisita banca padovana per 138,3 milioni di euro.

La nota Mps segnala anche che sono stati già raggiunti alcuni dei target sulle sinergie di costi dell‘integrazione con Antonveneta: in particolare sono raggiunti gli obiettivi dell‘anno in termini di riduzione del personale (980 uscite da inizio anno), è stata completata l‘integrazione di IT di Antonveneta ed è stato raggiunto il target del piano industriale per fine 2008 per le spese amministrative.

Il margine di interesse, sempre con il contributo di Antonveneta per un mese, è pari a 1,72 miliardi di euro da 1,41 di un anno prima. A parità di perimetro l‘incremento è del 12,9%.

Nel corso della conference con gli analisti, fatta dopo la diffusione della semestrale, il direttore finanziario Daniele Pirondini ha detto la banca si aspetta che “il margine di interesse crescerà a due cifre nel secondo semestre, ma guardiamo al margine commerciale, della gestione caratteristica, senza considerare gli effetti degli oneri delle operazioni straordinarie”.

Il margine di intermediazione primario, che include le commissioni nette, è pari a 2,24 miliardi e si raffronta con i 2,19 di un anno prima. A parità di perimetro c’è un incremento del 6,4%.

Il risultato operativo netto, sempre nello schema che include il contributo di un mese di Antonveneta, è di 603,4 milioni e si raffronta agli 882,3 milioni di un anno prima. Il dato risente delle rettifiche di valore fatte nel semestre per deterioramento di crediti e attività finanziarie e di maggiori oneri operativi.

CONFERMATO TARGET TIER1 FINE ANNO SOPRA 6%

Nella tabella che include gli indici di redditività si evidenzia un cost income ratio che al 30 giugno di quest‘anno è pari a 58,9 da 58,4 di fine 2007 mentre il Roe sul patrimonio medio è del 7% contro il 17,5 e il Roe sul patrimonio puntuale del 10% dal 19,8.

Il Tier1 ratio è del 5,1% e include Ppa per 541 milioni, dal 6,1% di fine 2007. Il Total capital ratio è del 9,4% dall‘8,9%.

Nel corso della conference con gli analisti il direttore generale Antonio Vigni ha confermato “di poter superare abbondantemente il 6% di Tier1 a fine anno attraverso gli asset disposal”.

Vigni ha anche confermato i target sul payout indicati nel piano 2008-2011. “Ho detto che il piano industriale includeva un payout medio del 50% con una percentuale superiore per i primi due anni e noi confermiamo questo outlook”, ha detto il direttore generale di Banca Mps.

La nota Mps segnala i numerosi elementi non ricorrenti presenti nel conto del semestre del gruppo, ante acquisizione Antonveneta, e li riassume.

Tra quelli positivi la plusvalenza lorda di 198 milioni per la cessione della Banca depositaria, quella di 30 milioni per la cessione di Fontanafredda e di 28 milioni per la vendita degli immobili non strumentali.

Tra le voci non ricorrenti negative la svalutazione della partecipazione in Hopa per 83,7 milioni, dei crediti Fingruppo per 54 milioni, la perdita su cessione Finsoe per 35 milioni e Vim per 9 milioni.

“L‘utile netto del gruppo Montepaschi (ante acquisizione Antonveneta) al netto degli elementi non ricorrenti appena descritti risulterebbe pertanto pari a circa 460 milioni di euro”, si legge nella nota.

CAMBIA ORGANIGRAMMA, MENZI AD ANTONVENETA, MORELLI CFO

Il cda della Banca Mps ha anche approvato alcune modifiche nell‘organigramma.

Tra queste, la nomina di Giuseppe Menzi, già vice direttore generale e responsabile del progetto acquisizione di Antonveneta, ad amministratore delegato della Banca Antonveneta. Marco Morelli assumerà l‘incarico di CFO (direttore finanziario) e manterrà la carica di vice direttore generale. Fabrizio Rossi assumerà l‘incarico di responsabile della direzione risorse umane e sviluppo organizzativo e sarà nominato vice direttore generale vicario.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below