28 agosto 2009 / 09:39 / tra 8 anni

SINTESI - Mps, sem1 con utile in calo, migliora Tier1, costi

di Stefano Bernabei

ROMA, 28 luglio (Reuters) - Banca Mps (BMPS.MI) ha chiuso il primo semestre con l‘atteso calo dell‘utile netto a 332,1 milioni euro, un miglioramento del Tier1 e dei target sui tagli dei costi 2009. Il titolo, che ieri era salito molto, è in calo a metà mattina dell‘1,8% a 1,5060 euro dopo aver perso fino al 4% subito dopo i risultati.

La raccolta è cresciuta del 6,2% su base annua e gli impieghi del 3,7% con un margine di interesse a circa 2 miliardi.

Forti le rettifiche nette di valore per deterioramento crediti, 686,7 milioni in crescita di oltre il 50% sul primo semestre di un anno fa.

SEGNALI RIPRESA E CONFERMA TARGET MARGINE INTERESSE 2009

Nella conference call successiva alla diffusione dei risultati il direttore generale Antonio Vigni e il vice Marco Morelli hanno confermato che ci sono segnali di ripresa dell‘attività commerciale, quindi il target di un margine di interesse 2009 tra 0 e -5% sul 2008 può essere confermato.

Mps ha migliorato la guidance per il contenimento dei costi, ora a -4/5% dal precedente -3% per il 2009.

Il margine di interesse a 2 miliardi è in calo del 3,8%, le commissioni restano in calo ma in recupero sul primo trimestre e c’è un riusultato positivo dall‘attività di trading: il margine consolidato della gestione finanziaria e assicurativa va a 2,933 miliardi in calo del 4,7% sui dati di giugno 2008, ricostruiti tenendo conto delle integrazioni di Antonveneta e Banca Toscana.

Le rettifiche nette su crediti del semestre, pari a 686,7 milioni, “esprimono un tasso di provisioning di circa 95 punti base”.

MIGLIORA TIER1, VISTO ULTERIORE APPORTO DA CESSIONE IMMOBILI

Il Tier1 del Mps si è attestato a fine giugno a 5,8% in crescita di 20 punti base rispetto al primo trimestre e di 65 punti da fine 2008. Il Tier 1 salirebbe al 7,3% se si contano anche i benefici patrimoniali della futura emissione di Tremonti Bond, ha spiegato Mps nel comunicato.

Vigni e Morelli hanno anche detto che è previsto un incremento di ulteriori 40 punti base dalla cessione degli immobili, prevista dal piano e in fase di definizione.

L‘operazione, illustrata in una delle slide della conference, prevede cessioni da 1,718 miliardi con una plusvalenza potenziale di 433 milioni.

Sull‘emissione dei Tremonti Bond, che Mps ha previsto di lanciare per 1,9 miliardi, Morelli ha spiegato che sono in corso le discussioni con il Tesoro per definire sia le caratteristiche delle obbligazioni sia gli impegni che Mps prenderà in relazione al credito per le imprese. Il lancio è atteso entro anno se il Tesoro offrirà una finestra per le relative aste.

SI TRATTA SU CESSIONE SPORTELLI, NON SOLO IN BLOCCO

Il piano delle Banca prevede anche la cessione di altri 135 sportelli dopo il 15 già venduti alla Banca Popolare di Puglia e Basilicata per 73,5 mln di euro e una plusvalenza di 46 mln. In quell‘occasione il prezzo ha dato un beneficio di Tier1 in 5 bp.

“Abbiamo manifestazioni di interesse che ovviamente coltiviamo”, ha detto Vigni.

Morelli ha poi spiegato che la banca continua a negoziare “sia su una cessione in blocco sia con chi ha manifestato interesse per blocchi più piccoli. Negozieremo fino a che non raggiungeremo un livello di piena soddisfazione come quello raggiunto con la vendita dei 15 sportelli”, ha detto Morelli.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below