28 luglio 2009 / 14:12 / tra 8 anni

PUNTO 2 - Terna, in sem1 utile netto stabile, Ebitda +23,8%

(aggiunge dettagli dopo conference)

ROMA, 28 luglio (Reuters) - Terna (TRN.MI) ha chiuso il primo semestre del 2009 con un utile netto di gruppo sostanzialmente stabile a 207,5 milioni di euro su ricavi in crescita del 14,3% a 656,4 milioni.

L‘ebitda si è attestato a 507 milioni dai 409,4 del primo semestre 2008, con un incremento del 23,8%.

I dati del primo semestre 2008 sono stati “rideterminati per tener conto della riclassifica delle attività brasiliane come Discontinued Operation”.

“I primi sei mesi del 2009 si chiudono, nonostante il generale contesto economico di contrazione, con un risultato positivo che ci fa essere confidenti su una conclusione d‘anno secondo le nostre aspettative e con una buona accelerazione degli investimenti”, commenta l‘Ad Flavio Cattaneo nella nota.

Terna prevede che l‘Ebitda del secondo semestre sia sostanzialmente stabile rispetto alla prima parte dell‘anno.

I ricavi del primo semestre sono stati pari a 656,4 milioni con circa 82 milioni di incremento su anno mentre i costi operativi sono stati pari a 149,4 in calo di 15,5 milioni.

Con un Ebitda di 507 milioni nel semestre l‘Ebitda margin si attesta al 77,2% in crescita dal 71,3% del primo semestre 2008.

Nel corso del mese di ottobre la società comunicherà l‘ammontare dell‘acconto sul dividendo dell‘esercizio 2009 che, al lordo delle eventuali ritenute di legge, verrà posto in pagamento a decorrere dal 27 novembre 2009, previo stacco in data 24 novembre 2009 della cedola 11.

Nel corso della conference con gli analisti Cattaneo ha detto di ritenere possibile che la società consideri un miglioramento della politica del dividendo.

DEBITO SALE IN ATTESA CLOSING CESSIONI ATTIVITA’ BRASILE

La situazione patrimoniale consolidata al 30 giugno 2009 registra un patrimonio netto pari a 2,2 miliardi, mentre l‘indebitamento finanziario netto, riferibile a Terna e alle controllate italiane, è pari a 4,266 miliardi “che si riducono a 4,076, se si tiene in considerazione il finanziamento attivo concesso da Terna SpA a Terna Participações”.

Terna spiega che “la crescita del debito è conseguenza dell‘acquisizione di Elat (per 1.152 milioni di euro), ancora non compensata dalla riduzione dell‘indebitamento, stimata in 1.140 milioni di euro, relativa alla cessione delle attività brasiliane, che si prevede di finalizzare nel quarto trimestre dell‘anno”.

Il rapporto debt/equity al 30 giugno 2009 è pari a 1,96.

A fine anno, secondo quanto detto dal direttore finanziario Fabio Todeschini nella conference call, il debito è visto attorno a 4 miliardi di euro.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below