29 luglio 2011 / 11:08 / 6 anni fa

CONTI TRIM2 - Telecom debole su domestico, viste svalutazioni

MILANO, 28 luglio (Reuters) - Telecom Italia (TLIT.MI) registrerà nel secondo trimestre e nel semestre un aumento di margini e fatturato, con un Brasile migliore delle previsioni di budget e un Italia più debole.

I dati del periodo beneficiano del consolidamento di Telecom Argentina (TEC2.BA), iniziato nel quarto trimestre del 2010, che quindi non è presente nelle cifre di confronto.

La stima di consensus di Thomson Reuters IBES con 11 analisti vede nel trimestre fatturato a 7,397 miliardi, Ebitda a 3 miliardi, utile netto a 583 milioni.

Queste cifre significherebbero per il semestre fatturato a 14,470 miliardi ed Ebitda a 5,929 miliardi.

SVALUTAZIONE GOODWILL PER TURBOLENZE MERCATO

Le attese degli analisti sono per una riduzione del valore del goodwill effetto delle fusioni da decidere al prossimo cda del 4 agosto che approverà i risultati.

Indiscrezioni del Sole24Ore parlano di svalutazioni per 3 miliardi dell‘avviamento che si è creato con le fusioni Olivetti Telecom Italia e Tim Telecom Italia. Il titolo non ha reagito alla notizia, che potrebbe teoricamente ridurre la capacità della società di distribuire dividendi e sale dell‘1% in controtendenza rispetto al mercato.

Un analista considera “la decisione probabile, in seguito alle recenti turbolenze di mercato che invitano a una maggiore cautela sul fronte delle valutazioni. Diversi gryuppi stanno seguendo questa strada, anche all‘estero”.

L‘analista sottolinea che la decisione avrà un impatto sul risultato netto della società a livello consolidato e civilistico, “ma non dovrebbe avere conseguenze sulla capacità di distribuire il dividendo, grazie alle riserve. Questo almeno è quello che pensa il mercato in questo momento”.

EFFETTO ARGENTINA SU RISULTATI

“I risultati dovrebbero essere in miglioramento grazie all‘effetto Argentina. Al netto, probabilmente, i numeri positivi del Brasile riescono solo a compensare il calo del mercato domestico”, dice un analista.

“Sul mercato interno sono attesi più deboli rispetto alle previsioni di budget sul 2011, mentre quelli sul Brasile saranno probabilmente migliori”, aggiunge. “Le cifre del secondo trimestre dovrebbero ricalcare quelle del primo”.

Telecom, in Brasile, controlla Tim Participacoes TCSL3.SA.

Secondo alcuni analisti, i dati di fine giugno potrebbero segnare la fine di un trend negativo che dura da otto trimestri. Uno di loro vede per la seconda parte dell‘anno una riduzione della contrazione delle attività domestiche -4%.

Il piano industriale prevede per il 2011 fatturato in calo di circa il 4% ed Ebitda superiore a 9,4 miliardi, in termini organici, cioè a parità di perimetro e di cambi.

Per il Brasile il piano indica sul 2011 fatturato in rialzo del 7-8% ed Ebitda a 4,5 miliardi di reais.

Un analista vede per il semestre fatturato domestico in calo del 7,1%, con il fisso che evidenzia -5% e il mobile un -10%.

Un secondo prevede un -5% nel domestico e un mobile migliore rispetto a -12% del primo trimestre.

Il fatturato in Brasile è atteso tra +16-20%.

Stime Thomson Reuters IBES sul secondo trimestre (dati in milioni di euro)

media n. stime trim2 2010

Fatturato 7.397 11 6.810

Ebitda 3.000 11 2.907

Utile netto 583 11 610

Debito netto 32.151 4 33.579

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below