28 luglio 2011 / 16:48 / tra 6 anni

PUNTO 1 - Lottomatica alza guidance dopo trim2 in crescita

* Utile netto pertinenza trim2 +32,5% a 46,2 milioni

* Ebitda trim2 +22,7% a 245,4 milioni

* Migliora di 50 mln guidance Ebitda 2011 a 940-960 mln

(Aggiunge dettagli da nota)

MILANO, 28 luglio (Reuters) - Lottomatica LTO.MI ha chiuso il secondo trimestre dell‘anno con un utile netto di pertinenza in crescita del 32,5% a 46,2 milioni grazie al buon andamento del business degli apparecchi da intrattenimento, Lotto e Gratta e Vinci in Italia.

Alla luce dei risultati, il gruppo del settore dei giochi ha deciso di migliore la guidance sul 2011 relativa a Ebitda e la posizione finanziaria netta, spiega una nota.

In particolare si prevede che l‘Ebitda si assesterà in un range tra 940 milioni e 960 milioni (dalla precedente forchetta 890-910 milioni) e la Pfn in un range di circa 2,8-2,85 miliardi (da 2,825-2,875 miliardi).

La nuova guidance sull‘indebitamento tiene conto di eventuali investimenti aggiuntivi, stimati a circa 30 milioni di euro, che potrebbero rendersi necessari per le nuove licenze per gli apparecchi di intrattenimento e per le scommesse sportive previste dalla finanziaria approvata recentemente in Italia e le cui procedure di assegnazione devono ancora essere definite.

Nel secondo trimestre Lottomatica ha registrato ricavi pari a 702,6 milioni, in crescita del 22,3% rispetto al 2010 trainati dai ricavi da servizi, aumentati del 26,3% a 663,7 milioni.

Le attività italiane hanno contribuito per 451,9 milioni (+55,4%) a fronte di un andamento negativo dei ricavi di Gtech Lottery.

L‘Ebitda è stato di 245,4 milioni, in progresso del 22,7% e l‘utile operativo del 26,9% a 140 milioni.

“I risultati hanno superato le nostre aspettative, soprattutto in Italia dove ci aspettiamo che gli apparecchi da intrattenimento contribuiranno alla pari con il Gratta & Vinci e il Lotto”, ha dichiarato nella nota l‘AD, Marco Sala.

“Tenuto conto che la guidance per l‘intero anno è già alla nostra portata, oggi abbiamo migliorato la guidance su Ebitda e Pfn per meglio riflettere i progressi registrati nella prima metà dell‘anno e le aspettative sul proseguimento della crescita nella seconda metà”, ha aggiunto.

L‘utile per azione (Eps) diluito è stato di 0,27 euro in aumento rispetto a 0,21 del secondo trimestre dell‘anno scorso. L‘Eps pro forma è stato pari a 0,32 euro in crescita rispetto a 0,23 euro del secondo trimestre 2010.

A livello cumulato, nel primo semestre l‘utile netto è stato di 68,1 milioni (+5,9%) e l‘Ebitda di 501,3 milioni (+26,2%).

I clienti Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su [ID:nBIA28ecf]

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below