27 luglio 2011 / 11:44 / tra 6 anni

PUNTO 2-Snam, netto sem1 a 576 mln, cedola interim sale a 0,10

(Aggiorna con altri dettagli da conference call)

* Domanda gas Italia attesa stabile in 2011

* Indebitamento netto sale a 10,731 mld

* Dividendo 2011 atteso +4% su 2010

* Titolo cede l‘1,5% a 4,01 euro

MILANO, 27 luglio (Reuters) - Snam rete Gas (SRG.MI) ha chiuso il primo semestre dell‘anno con un utile netto di 576 milioni di euro, in crescita del 5,3% su ricavi totali pari a 1,594 miliardi di euro (+3,1%), secondo un comunicato.

Il dividendo interim sale a 0,10 euro per azione da 0,09 euro dello stesso periodo 2010 con stacco cedola il 24 di ottobre prossimo. Per l‘anno l‘AD, Carlo Malacarne, ha confermato che la cedola complessiva crescerà del 4% nel 2011 a fronte di 0,23 distribuiti nel 2010.

L‘utile operativo si attesta a 986 milioni, in crescita del 6%, mentre gli investimenti tecnici nel primo semestre ammontano a 681 milioni e si riferiscono ai settori di attività trasporto e rigassificazione, distribuzione e stoccaggio gas naturale.

Cresce l‘indebitamento netto che si attesta a 10,731 miliardi, in aumento di 390 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2010, mentre rispetto al 31 marzo 2011 l‘indebitamento finanziario netto aumenta di 475 milioni di euro. Il gas immesso nella rete di trasporto è stato pari a 41,90 miliardi di metri cubi, in calo del 2,6%. La riduzione è dovuta alla minore domanda di gas naturale in Italia, per effetto essenzialmente alla contrazione dei consumi del settore residenziale e terziario (-8,0%) a seguito delle temperature più miti registrate nei primi sei mesi dell‘anno.

Quanto alle singole divisioni, il numero di contatori attivi è pari a 5,873 milioni, in crescita dell‘1,1%, mentre la capacità disponibile di stoccaggio si attesta a 10 miliardi di metri cubi, in salita dell‘8,7%.

La domanda di gas, infine, in Italia è attesa stabile sul 2010 alla fine dell‘anno in termini normalizzati per la temperatura. Confermata anche la stima di crescita del 2% del mercato del gas al 2014.

“Nel primo semestre di quest‘anno, grazie alle solide performance operative delle diverse attività, abbiamo conseguito una crescita significativa dei risultati come testimoniato dall‘incremento del 6% dell‘utile operativo”, ha così commentato i risultati l‘AD, Carlo Malacarne. “Il nostro modello di business finalizzato alla creazione di valore attraverso gli investimenti e l‘attenzione all‘efficienza e al mantenimento di una solida struttura patrimoniale, continua a confermare la sua validità”.

Giancarlo Navach

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below