25 luglio 2011 / 17:08 / tra 6 anni

SINTESI - Fiat Ind, netto trimestre sale a 239 mln, alza target

(accorpa pezzi, aggiunge chiusura titolo)

MILANO, 25 luglio (Reuters) - Fiat Industrial FI.MI ha chiuso il secondo trimestre con un utile netto di 239 milioni di euro, rispetto ai 130 milioni dello stesso periodo dell‘anno scorso, e ha rivisto al rialzo gli obiettivi per l‘anno, preannunciando una possibile ulteriore revisione alla fine del terzo trimestre.

Sergio Marchionne, presidente della società che non ha amministratore delegato, ha stupito ancora una volta i mercati che hanno spinto in forte rialzo il titolo.

L‘utile della gestione ordinaria, si legge in una nota, è salito del 53,2%, a 530 milioni di euro, beneficiando di Cnh CNH.N, mentre i ricavi sono aumentati del 10,6%, a 6,3 miliardi, per effetto dell‘incremento dei volumi in tutti i settori.

Il contributo più importante è arrivato da Cnh (trattori e movimento terra), con un utile della gestione ordinaria di 381 milioni, contro 263 milioni del trimestre 2010. L‘utile della gestione ordinaria di Iveco (veicoli industriali) è ammontato a 135 milioni (da 50 milioni), mentre quello di Powertrain è cresciuto leggermente, attestandosi a 24 milioni (23 milioni), dettaglia la nota.

Il consensus, fornito dalla società, delle stime degli analisti sull‘utile netto convergeva su 225 milioni e quello sulla gestione ordinaria a 445 milioni.

Il gruppo ha rivisto al rialzo gli obiettivi per l‘anno e prevede ricavi pari a circa 24 miliardi, utile della gestione ordinaria superiore a 1,5 miliardi, indebitamento netto industriale di circa 1,6 miliardi e liquidità superiore ai 4 miliardi circa.

In un incontro con gli investitori lo scorso 29 giugno, la società prevedeva per l‘intero 2011 un utile netto di 600 milioni e un debito netto industriale tra 1,8 e 2 miliardi.

Nel secondo trimestre, l‘indebitamento netto industriale è sceso di 0,4 miliardi, a 1,7 miliardi, mentre la liquidità è salita a 3,9 miliardi, in crescita di circa 400 milioni di euro rispetto al 31 marzo 2011.

Nel corso della conference call di presentazione dei risultati, Sergio Marchionne, amministratore delegato di Fiat Industrial, ha detto che sembra “più che raggiungibile” l‘obiettivo di trading profit 2011. Il manager, poi, ha anticipato che la società potrebbe rivedere i target per il secondo semestre se i risultati del terzo trimestre evidenzieranno un andamento migliore delle attese. “Ci aspettiamo un secondo semestre positivo”, ha affermato Marchionne, aggiungendo che sul debito netto sono state elaborate stime “conservative; vedremo se il risultato sarà migliore”.

Marchionne ha aggiunto che la società è in condizione di pagare i dividendi su base regolare.

Secondo un analista interpellato da Reuters, “i risultati sono buoni e chiaramente sopra i consensus. Questi numeri potrebbero spingere alcuni analisti ad alzare le valutazioni”.

“Il target di riduzione del debito è buono. L‘obiettivo precedente era conservatore”, ha aggiunto l‘analista.

Il titolo Fiat Industrial ha chiuso in rialzo del 5,4%, a 9,47 euro, sui massimi di seduta.

I clienti Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su [ID:nBIA250fe]

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below