13 maggio 2010 / 15:23 / 8 anni fa

PUNTO 2 - Prysmian, giù utile trim1, accelerazione da trim2

(aggiunge dichiarazioni da conference call)

MILANO, 13 maggio (Reuters) - Prysmian (PRY.MI) ha chiuso il primo trimestre con un utile netto adjusted di 31 milioni, in calo del 31,1% rispetto ad un anno prima.

L‘Ebitda adjusted, si legge in un comunicato del gruppo attivo nei cavi, è calato del 17%, a 75 milioni. L‘incidenza sui ricavi è scesa al 7,7% dal 9,8% del primo trimestre 2009.

I ricavi sono diminuiti (variazione organica) dell‘11,2%, a 969 milioni.

Il risultato operativo rettificato si è attestato a 57 milioni, con una contrazione del 23,8%.

L‘indebitamento finanziario è migliorato a 596 milioni da 641 milioni di un anno prima.

Prysmian ha fornito una guidance sull‘Ebitda adjusted a fine 2010, parlando di 350-400 milioni di euro. “Tale intervallo”, si legge, “è funzione dell‘evoluzione dei mercati di riferimento nella seconda parte dell‘anno”. Nel 2009, l‘Ebitda adjusted era stato pari a 403 milioni.

Nelle slide pubblicate in occasione della conference call di presentazione dei risultati si legge che il conseguimento del punto centrale della guidance è basato sull‘attuale livello degli ordini del settore Transmission, sull‘andamento corrente di business ciclici, con un recupero contenuto dei volumi nelle divisioni T&I e Power Distribution rispetto ai livelli del primo trimestre e su un contributo crescente dai segmenti ad alto valore aggiunto, in particolare dall‘Oil & Gas.

In generale, il gruppo guidato da Valerio Battista segnala un incremento della raccolta ordini nel primo trimestre, che si tradurrà in un‘accelerazione del business a partire dal secondo trimestre.

“Sulla base del portafoglio ordini esistente”, si legge nella nota, “è prevedibile un progressivo recupero dei volumi e della redditività a partire già dal prossimo trimestre, sia in alcuni business a maggior valore aggiunto (Submarine e Industrial), sia in quelli più ciclici (Power Distribution e Trade & Installers)”.

Nel settore dell‘alta tensione terrestre, aggiunge il comunicato, “le attese per la parte rimanente dell‘anno sono per una sostanziale stabilità di ricavi e margini, con un portafoglio ordini che evidenzia segnali di miglioramento”.

VOLUMI CRESCONO MA NON MARGINI

Nel corso della conference call, sollecitato sulle previsioni sul secondo trimestre, l‘Ad Battista ha spiegato che, “in generale, sarà un po’ peggiore (del corrispondente periodo di un anno prima) in termini di Ebitda, migliore per quanto riguarda i volumi fisici”. Il manager ha puntualizzato che il gruppo sta “vedendo cose positive dal punti di vista dei volumi, non sui margini”, perché l‘aumento dei prezzi dei metalli non consente di migliorare la marginalità.

Battista ha sottolineato più volte la ripresa dell‘attività in America Latina, in particolare i progetti nel settore petrolifero in Brasile, e ha detto di ritenere più interessante il progetto europeo di super-rete elettrica rispetto a quello Usa, sinora rimasto solo sulla carta.

A proposito di Europa, a chi gli chiedeva quale impatto avrà la crisi greca sul business di Prysmian, l‘AD ha risposto di “non vedere rischi per noi, salvo per alcuni progetti governativi”, dicendosi preoccupato per “la situazione generale dell‘economia”. Battista, in particolare, ha ricordato che “i cicli negativi durano circa due anni e il 2010 è il secondo anno”, ribadendo di vedere “una ripresa limitata dei volumi” e aggiungendo che “ogni crisi finanziaria aggiuntiva potrebbe cambiare il quadro”.

Dopo aver detto che non ci sono novità sull‘indagine Antitrust Ue che coinvolge Prysmian, Battista ha detto che in un contesto di “mercato duro, difficile, forse è tempo di qualche operazione di M&A”, puntando ad “acquisizioni medio-piccole”. L‘olandese Draka DRAK.AS, ha concluso, è un capitolo chiuso.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below