13 maggio 2010 / 11:27 / 8 anni fa

PUNTO 1 -Campari, utili e vendite trim1 salgono, titolo accelera

(riscrive aggiungendo dettagli da nota e conference call)

MILANO, 13 maggio (Reuters) - Campari (CPRI.MI) chiude il primo trimestre con utili e ricavi in crescita, registrando aumenti a doppia cifra per tutti gli indicatori di performance.

“Per il futuro, riteniamo che il persistere della volatilità possa impattare l‘andamento dei risultati nei vari trimestri, ma continuiamo a guardare con cauto ottimismo alle prospettive complessive per il 2010”, dice nel comunicato sui risultati l‘AD Bob Kunze-Concewitz.

Il titolo ha accelerato dopo i dati e alle 13,00 circa sale del 3,76% a 4,075 euro, con volumi sostanzialmente in linea. L‘indice europeo Food&Beverage .SX3P guadagna il 2,4%.

Nel trimestre l‘utile prima delle imposte si attesta a 43,3 milioni di euro, in crescita del 12,7% rispetto allo stesso periodo 2009.

Le vendite del gruppo sono pari a 233,6 milioni, con un aumento del 22,9% (+14,5% crescita organica, +0,2% effetto cambi e +8,2% effetto perimetro, quest‘ultimo principalmente dovuto all‘acquisizione di Wild Turkey). L‘Ebitda prima di proventi e oneri non ricorrenti ammonta a 59,1 milioni (+22,6%).

Al 31 marzo 2010 l‘indebitamento finanziario netto era pari a 593,4 milioni (630,8 milioni al 31 dicembre 2009).

VENDITE AMERICHE IN CRESCITA 66,5% I risultati, si legge nella nota, sono stati favoriti da un ritorno a un trend più normalizzato nelle Americhe e dagli effetti dell‘acquisizione di Wild Turkey, ma soprattutto la performance complessiva è stata sostenuta dall‘andamento dei consumi delle principali combinazioni di prodotto e mercato, in particolare del business chiave degli aperitivi in Europa.

A livello geografico, le vendite del primo trimestre 2010 sul mercato italiano (pari al 44,6% del totale) hanno registrato una crescita del 3,4%, quelle in Europa esclusa l‘Italia (18,8% delle vendite consolidate) sono salite del 18,9%.

Le vendite nell‘area Americhe (30,9% del totale) hanno segnato una crescita complessiva del 66,5%, con un +42,3% di variazione organica, +0,7% di effetto cambi e +23,5% per l‘effetto perimetro legato all‘acquisto di Wild Turkey.

Negli Stati Uniti “c’è molta volatilità nella fiducia dei consumatori”, ha sottolineato l‘AD in una conference call dopo i dati.

La spesa pubblicitaria nel primo trimestre è aumentata al 17% delle vendite dal 12% di un anno prima. “Intendiamo mantenere la pressione per l‘anno. Un buono e sano 18% delle vendite nette, 20 punti base in più o in meno”, ha proseguito.

Sul fronte acquisizioni, ha detto il manger, “continuiamo a credere che abbiamo di fronte un panorama M&A piuttosto interessante e favorevole”.

“Focalizzeremo l‘attività di M&A nelle categorie spirit”, ha aggiunto.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below