19 aprile 2010 / 09:23 / 7 anni fa

PUNTO 1 - B.Popolare vede 6-700 mln utili in futuro -AD a stampa

(cambia titolo, aggiunge altre dichirazioni da intervista)

MILANO, 19 aprile (Reuters) - Il Banco Popolare BAPO.MI chiuderà il 2010 con qualche milione di utile in più rispetto all‘anno scorso e, una volta sistemata nel 2012 del tutto la partita Italease, può arrivare ad un utile di 600-700 milioni di euro.

Lo ha detto l‘amministratore delegato Pier Francesco Saviotti in un‘intervista alla Stampa.

Saviotti ha spiegato che l‘anno in corso sta andando “in linea con le previsioni”, aggiungendo: “Dovremo chiudere con qualche milione di utile in più del 2009. Nei primi due mesi gli impieghi salgono dell‘1,2%, penso che terremo il ritmo di crescita del 2009 (+6%). La raccolta resta piatta. Le rettifiche su crediti sono sotto budget, ma è ancora presto per pensare ad un miglior andamento dell‘anno”.

Quanto a Italease, controllata al 100% dopo l‘Opa e il delisting, “abbiamo provveduto: non posso dire che la missione è compiuta, ma a fine 2012 non avrà praticamente più debiti. Sistemata quella, e con un‘economia in leggera ripresa, il Banco può arrivare a 600-700 milioni di utile netto”, ha detto l‘AD.

Saviotti ha poi spiegato che ‘Release’, la bad bank nata dallo scorporo di Italease e controllata all‘80%, “avrà all‘attivo circa 1,8 miliardi di incagli e sofferenze, 900 milioni di crediti ristrutturati, 1,2 miliardi di immobili e il resto, pratiche in bonis”.

Sono in corso inoltre dei colloqui con importanti debitori, tra cui l‘immobiliarista Statuto, che dovrebbero consentire di fare scendere l‘esposizione intorno ai 2 miliardi, ha spiegato.

Italease ha invece oltre 7 miliardi di attivi e 7 miliardi di debiti in corso di rimborso.

Sul fronte delle dismissioni Saviotti ha confermato le trattative su Caripe, controllata al 95% attraverso le quote che Banca Popolare di Lodi acquisì nel 2001: “Penso di possa chiudere presto”, mentre per le Popolari di Crema e di Cremona (sempre controllata attraverso Pop Lodi) “valuteremo eventuali proposte”, ha detto il banchiere.

Secondo indiscrezioni stampa su Caripe sarebbero in corso trattative con Tercas.

Potrebbero essere oggetto di dismissione anche gli sportelli siciliani della Banca Popolare di Lodi, ma “solo se non dovessero raggiungere i risultati che ci attendiamo”, ha aggiunto Saviotti che ha ribadito di non avere intenzione di cedere Creberg mentre, archiviata la trattativa di vendita con Barclays, rimane in sospeso il dossier Efibanca.

Saviotti è inoltre tornato a smentire le voci che ciclicamente tornano sul mercato di un‘operazione con Ubi Banca (UBI.MI).

“Non c’è mai stato un contatto, né qualcuno che qui pensasse ad un accordo con Ubi”, ha sottolineato.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below