January 21, 2020 / 7:24 AM / a month ago

UBS taglia target medio-termine dopo calo utili 2019

ZURIGO, 21 gennaio (Reuters) - UBS ha rivisto al ribasso gli obiettivi di redditività, in un contesto che vede la più grande banca svizzera alle prese con tassi di interesse estremamente bassi e una maggiore concorrenza sul fronte dei clienti di fascia alta del wealth management.

L’AD Sergio Ermotti, che ha traghettato con successo il gruppo dall’attività di investment banking alla gestione patrimoniale quasi dieci anni fa, è sotto pressione per cercare di mantenere il vantaggio competitivo della banca elvetica nel wealth management.

La banca prevede ora un ritorno del 12-15% sul capitale core (RoCET1) e un rapporto costi/utili del 75-78% al 2022 dopo aver mancato entrambi gli obiettivi nel 2019. Il CET1 dell’anno scorso è stato del 12,4% mentre il rapporto costi/ricavi dell’80,5%.

Ubs ha registrato un incremento dell’utile netto del 129% nell’ultimo trimestre del 2019, ma tale performance ha beneficiato del confronto con gli ultimi mesi del 2018 quando l’andamento del mercato aveva inciso negativamente sui profitti. L’utile per l’intero anno è calato del 5%.

Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Milano Cristina Carlevaro, camilla.caraccio@thomsonreuters.com, +48587721396

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below