July 29, 2019 / 1:30 PM / 4 months ago

CORRETTO-Margini più alti per 'monopolisti' reti, a Stato 1/5 dividendi totali 2014-18-R&S

(Precisa in terzo e quarto paragrafo ebit margin (non ebitda margin). In sesto paragrafo elimina riferimento volume investimenti non corretto.)

MILANO, 29 luglio (Reuters) - I cosiddetti ‘monopolisti’ italiani delle reti hanno margini nettamente superiori a quelli delle altre imprese.

È quanto emerge dalla fotografia scattata nell’Annuario R&S dell’Area Studi Mediobanca che raccoglie i principali gruppi italiani quotati osservati nel periodo 2014-2018.

Nel 2018 la classifica per ebit margin vede nelle prime due posizioni Snam e Terna con margini rispettivamente del 55% e del 51,4%. Numeri alti anche per Atlantia (43%), che nello studio viene ricompresa nella holding Edizione insieme ad Autogrill, e Astm (26,9% contro il 19,6% di Aurelia, la holding di cui fa parte).

Telecom Italia (Tim) ha un ebit margin del 17,5%, ma ha comunque numeri altissimi sulla sola rete, secondo lo studio.

In un contesto generalizzato di investimenti in calo da parte dei gruppi italiani, la manifattura privata ha un tasso di investimento doppio rispetto a quella pubblica (8,2% contro il 4,4%). Sul podio Moncler con un tasso di investimento del 29,6% sulle immobilizzazioni tecniche lorde, seguita da Salvatore Ferragamo (16,6%) e Ima (15,5%).

Tuttavia lo Stato incassa circa un quinto dei dividendi distribuiti: 11,2 miliardi nel quinquennio 2014-2018 sui 57 miliardi distribuiti. Ai comuni azionisti sono andati dividendi per 1,2 miliardi, mentre alle famiglie proprietarie 4,7 miliardi. I restanti 39,4 miliardi sono stati spalmati sugli altri azionisti.

Impietoso il confronto internazionale: il fatturato dei primi dieci gruppi tedeschi rappresenta il 24,1% del Pil del Paese contro il 4,6% dei ricavi dei primi 10 italiani.

L’incidenza dei dieci top player italiani sul totale del fatturato di Italia, Francia, Germania e Regno Unito è di appena il 5,5% contro il 55,8% delle imprese tedesche, il 25,6% delle francesi e il 13,1% delle britanniche, mentre in termini di investimenti la quota scende al 2,1% contro l’80,5% dei tedeschi, il 12% dei francesi e il 5,4% dei britannici.

(Gianluca Semeraro)

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below