September 25, 2018 / 1:45 PM / 20 days ago

E&M, PwC vede mercato a 41 mld in 2022, pubblicità web supererà tv in 2019

MILANO, 25 settembre (Reuters) - Il mercato italiano dei media e dell’intrattenimento raggiungerà nel 2022 i 41 miliardi di euro dai 32,8 miliardi del 2017.

È quanto emerge dal report “Entertainment & Media Outlook in Italy 2018-2022” di PwC presentato oggi a Milano.

Nel report si legge anche che la componente di televisione e internet crescerà tra il 2017 e il 2022 di 6,8 miliardi, arrivando a incidere per il 69,5% sul totale del mercato nel 2022. Un’evoluzione che si concretizza nella diffusione sempre maggiore di broadcaster online come Netflix, Dazn, e l’alleanza tra Sky e OpenFiber.

“Il modello di business tradizionale tipico degli operatori tv, nel quale il vantaggio competitivo era determinato principalmente dall’offerta di contenuti, sta andando sgretolandosi, lasciando il posto a nuove piattaforme digitali”, spiega Andrea Samaja, Pwc italian tmt leader.

Le nuove realtà permettono infatti l’utilizzo di integrazioni che affiancano il display, come la virtual reality e l’intelligenza artificiale.

Un’altra priorità dei clienti, soprattutto i più giovani, è quella di poter godere di una proposta sempre più personalizzata. Utili per raggiungere questo obiettivo sono le alleanze strategiche. Samaja fa l’esempio di SkyQ, in cui le app di produttori terzi possono contribuire ad arricchire l’offerta del distributore.

“Queste piattaforme mirano a offrire una customer experience migliore e innovativa, facendo leva sulla tecnologia o più precisamente sul mondo dei dati da affiancare ai contenuti core”, aggiunge Samaja.

Possibilità innovative che possono essere sfruttate soltanto da chi riesce a rimanere al passo con il progresso tecnologico e a curare sempre di più la fruibilità del prodotto, al di là del contenuto.

Per quanto riguarda la pubblicità, che raggiungerà nel 2022 i 9,8 miliardi di euro, la televisione continuerà comunque a detenere una quota fondamentale del mercato - si prevede il 35,3% - anche dopo che l’internet advertising sorpasserà anche se di poco la pubblicità televisiva nel 2019.

A farla da padrone nei prossimi anni saranno infatti le piattaforme digitali, portatrici di un importantissimo potenziale pubblicitario (Cagr 9,7%, equivalente a 4,2 miliardi di euro nel 2022).

Se è soprattutto il videoadvertising pensato per l’internet mobile che sta guadagnando terreno in fatto di ricavi pubblicitari, ad accusare di più il colpo sono i quotidiani, col fatturato pubblicitario che continua a calare.

È previsto invece un trend più stabile per i magazine, più abili a sfruttare al meglio le nuove integrazioni per potenziare il brand. In chiusura, Samaja aggiunge un cenno agli e-Sports, ibrido tra i videogiochi e lo sport, quest’ultimo ancora “contenuto-perno” delle piattaforme E&M. Di fatto, si tratta di un business in fase ancora embrionale, che nel 2018 muoverà circa quattro milioni di euro, ma il potenziale di crescita di queste interfacce video sempre più realistiche si presta a previsioni ottimistiche.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon “Pagina Italia” o “Panorama Italia” Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below