14 maggio 2013 / 12:17 / tra 5 anni

Carige, obiettivo è non fare aumento capitale dopo cessioni asset- DG

MILANO, 14 maggio (Reuters) - Banca Carige ribadisce l‘auspicio di ridurre al minimo l‘importo dell‘aumento di capitale dopo le cessioni degli asset assicurativi, se non addirittura di evitarlo grazie alle altre dismissioni previste, ovvero la Sgr del gruppo e la partecipazione in Autostrada dei Fiori.

Lo ha detto il direttore generale del‘istituto ligure, Ennio La Monica, nel corso della presentazione alla stampa dei risultati del primo trimestre.

“Il nostro consiglio auspica che l‘importo dell‘aumento sia il minore possibile con l‘obiettivo, aggiugendo l‘Sgr e la quota in Autostrada dei Fiori, di non farlo” ha detto La Monica.

Banca Carige ha annunciato un rafforzamento patrimoniale da 800 milioni di euro da realizzarsi con la vendita delle due compagnie assicurative Carige Assicurazioni e Carige Vita alle quale si sono aggiunti anche le partecipazioni in Carige Asset Management Sgr (100%) e in Autostrada dei Fiori (20,6%).

Non sono inoltre escluse anche cessioni nell‘ambito del portafoglio immobiliare.

Quanto alla tempistica per la vendita delle assicurazioni La Monica ha spiegato che è in fase di chiusura il processo della ‘vendor due diligence’, affidata a quattro advisor indipendenti, i cui risultati verranno messi a disposizione dei soggetti interessati attraverso delle lettere di invito che partiranno nei prossimi giorni.

L‘obiettivo è di riuscire ad arrivare “a metà giugno con l‘apertura formale della data room”,

Ad imprimere fiducia sulla cessione degli asset assicurativi è anche l‘interesse in atto sul settore da parte di operatori stranieri come dimostrano le manifestazioni di interesse per gli asset di Milano Assicurazioni che il gruppo Unipol ha messo in vendita per ragioni Anititrust.

“Le due operazioni non sono in concorrenza ma sono in sinergia. Penso che il fatto che ci sia interesse dall‘estero per partecipare alla vendita degli asset di Unipol, abbia messo un faro sul mercato assicurativo italiano che agevola anche noi”, dice.

Quanto alle attese di realizzo il manager non offre stime precise, in attesa della conclusione del lavoro degli advisor, e ricorda i valori iscritti a bilancio per le due assicurazioni(tra 400 e 600 milioni).

La banca punta ad un unica vendita e a non dividere gli asset in due blocchi così come sta facendo Unipol, ma rimane aperta anche a valutare altre modalità.

“Se ci sarà un operatore unico interessato ad entrambe (le compagnie) bene, altrimenti vedremo”, dice La Monica.

Il processo di vendita delle assicurazioni, proprio per la la sua complessità, è partito per primo, ma non è detto che si concluda prima di quello relativo agli altri due asset, la Sgr e la quota in Autostrade dei Fiori.

“Questi due asset sono più semplici, dal punto di vista del processo, e i tempi potrebbero essera anche più rapidi”, dice.

Legato all‘andamento di tutto il piano di dimissioni è anche una possible revisione del piano industriale.

“Il piano è condizionato al processo di dismissioni. E’ probabile che quello che pensavamo di fare prima dell‘estate possa essere fatto dopo quando il quadro sarà più chiaro”.

Carige ha chiuso il primo trimestre dell‘anno con un utile netto consolidato in crescita del 7,4% rispetto all‘analogo periodo del 2012 a 48,6 milioni, pur in presenza di maggiori rettifiche di valore su crediti (+71,8%) effettuate a presidio dell‘accresciuta rischiosità.

I conti mostrano una buona tenuta del margine di intermediazione (+2,4% a 304,1 milioni) e costi operativi in calo (-13,5% a 145,1 milioni).

“Siamo soddifatti nonostante il momento di difficoltà dell‘economia. Difendiamo la redditività in termini di ricavi mentre il lavoro sul fronte dei costi continua”, ha commentato La Monica.

(Andrea Mandalà)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below