9 maggio 2013 / 14:39 / tra 4 anni

PUNTO 1-Mediolanum, target 3 mld raccolta fondi più vicino dopo aprile record

* Utile netto trim1 cala 23% per confronto sfavorevole

* Esposizione a titoli di Stato italiani vista stabile

* Titolo tocca oggi massimi pluriennali (cambia titolo, aggiunge dichiarazioni Massimo Doris)

MILANO, 9 maggio (Reuters) - L‘obiettivo di una raccolta netta in fondi comuni a quota 3 miliardi a fine 2013 si fa più vicino per Mediolanum dopo un aprile record che ha visto affluire verso questi prodotti e verso le gestioni 538 milioni di euro.

Le cifre di aprile, che fanno lievitare le sottoscrizioni da inizio anno a 1,538 miliardi, sono state anticipate oggi in occasione della pubblicazione dei risultati del primo trimestre: i primi tre mesi del 2013 hanno evidenziato un utile netto in contrazione del 23% a 136,7 milioni rispetto al corrispondente periodo dell‘anno scorso che aveva beneficiato di un recupero degli investimenti a fair value per oltre 63 milioni netti.

“Sui fondi abbiamo un obiettivo annuo di 3 miliardi di raccolta, pensiamo di arrivare a quell‘obiettivo”, ha detto a Reuters il vicepresidente Massimo Doris.

Più difficile sbilanciarsi in previsioni sui risultati dell‘esercizio, fortemente condizionati da componenti volatili come le commissioni di performance e la valutazione degli investimenti a fair value.

“Il business sta andando bene indipendentemente da queste due poste perchè le masse continuano a crescere e questo vuol dire più commissioni di gestione e più commissioni di performance a parità di basis point”, ha aggiunto Doris.

Il primo trimestre ha evidenziato un aumento dei ricavi ricorrenti rappresentati dalle commissioni di gestione, salite a circa 132 da circa 113 milioni, oltre al contributo delle commissione di performance, in leggero calo a 59,3 da 61,8 milioni ma comunque sopra la media storica. Il margine di interesse registra una contrazione a 71,9 da 83,5 milioni.

L‘esposizione del gruppo ai titoli di Stato italiani a fine marzo ammontava a 14,9 miliardi e non ci si aspetta che, a breve, subisca variazioni di rilievo. Ulteriori 2,3 miliardi sono investiti in obbligazioni bancarie e circa 500 milioni in governativi spagnoli.

Il titolo, negativo prima della pubblicazione dei risultati dopo aver aggiornato il livello più alto in oltre cinque anni a 5,52 euro, viaggia poco mosso intorno alle ore 16,30 e vale 5,4 euro.

Commentando i massimi pluriennali del titolo toccati oggi, Doris ha osservato: “Forse il mercato si è accorto delle nostre performance in termini di raccolta e non ci valuta solo come asset gatherer esposto alle condizioni dei mercati finanziari”.

(Maria Pia Quaglia)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below