24 aprile 2013 / 16:14 / tra 5 anni

PUNTO 1-Eni, utile netto adj trim1 -39% a 1,43 mld su calo produzione, Snam

(Aggiunge altri dettagli da comunicato)

MILANO, 24 aprile (Reuters) - Eni ha chiuso il primo trimestre del 2013 con un utile netto adjusted (senza le componenti straordinarie) di 1,43 miliardi di euro, in calo del 39%. A pesare sui conti il deconsolidamento di Snam, uscita dal perimetro del gruppo con la cessione della maggioranza relativa a Cdp l‘anno scorso e i minori risultati delle divisioni E&P e gas.

Le stime di utile netto adj Thomson Reuters indicavano quota 1,5 miliardi nel trimestre.

L‘utile operativo adjusted si attesta nel periodo a 3,79 miliardi in contrazione del 36%, spiega un comunicato.

Nel trimestre la produzione di idrocarburi è scesa del 4,9% a 1,6 milioni di barili al giorno a causa di alcuni eventi contingenti in Nigeria, Libia e Regno Unito.

Nel primo trimestre 2013 le vendite di gas di 30,22 miliardi di metri cubi hanno registrato una flessione dell‘1,3% rispetto al primo trimestre 2012. Escludendo la perdita di collegamento nella Galp, le vendite sono sostanzialmente in linea, dice Eni.

L‘indebitamento finanziario netto al 31 marzo 2013 è pari a 15,99 miliardi con un leggero incremento rispetto a fine 2012.

“Confermiamo gli obiettivi di crescita e redditività del 2013 malgrado il rallentamento del primo trimestre dovuto a una serie di eventi contingenti che hanno penalizzato le produzioni di idrocarburi e al perdurare dello scenario negativo del mercato del gas”, ha così commentato i risultati l‘AD, Paolo Scaroni.

Secondo il numero uno di Eni, “la divisione E&P conferma gli obiettivi di crescita per il 2013 grazie ai progressi nello sviluppo dei progetti in corso. La G&P beneficerà delle rinegoziazioni dei contratti gas che mitigheranno l‘impatto negativo di un mercato ancora in forte contrazione. Le divisioni R&M e Versalis, in forte recupero rispetto allo scorso anno, proseguiranno nelle azioni di miglioramento della redditività”.

Andando nelle singole divisioni, il risultato operativo dell‘E&P è sceso del 21,5% rispetto al primo trimestre 2012 per effetto del calo dei prezzi in dollari degli idrocarburi (in media -7,7%) e della flessione delle produzioni (-4,9%).

Il Gas&Power ha registrato una perdita operativa di 148 milioni rispetto all‘utile di oltre 1 miliardo registrato nel primo trimestre 2012 che aveva beneficiato degli effetti retroattiva della rinegoziazione dei contratti di approvvigonamento taker or pay.

Sempre in rosso, ma in recupero rispetto agli altri trimestri, il refining & marketing (-152 milioni la perdita operativa) e Versalis (-63 milioni).

(Giancarlo Navach)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below