25 luglio 2012 / 10:07 / 5 anni fa

PUNTO 2-Amplifon, margini in calo in sem1, pesa Europa, vola titolo

(Aggiunge dettagli da conference call, chiusura titolo)

MILANO, 25 luglio (Reuters) - Amplifon archivia il primo semestre con risultati complessivamente positivi, grazie alla spinta di Nord America e area Asia-Pacifico, ma alcune criticità in Europa frenano la crescita.

I ricavi consolidati, si legge in un comunicato della società attiva nella distribuzione e applicazione personalizzata di soluzioni uditive, sono saliti dell‘1,7%, a 407,4 milioni, mentre l‘Ebitda è sceso del 3%, a 62,3 milioni.

Forte la crescita del fatturato in Nord America (+18,9%), in Asia-Pacifico (+18,4%) e nel Regno Unito (+6,4%), mentre i ricavi dell‘Europa continentale si riducono del 5,5%.

Sui margini hanno inciso negativamente “problematiche registrate in Olanda (fatturato -26,5%), Svizzera (-15,3%) e Germania (-7,3%), solo in parte mitigate dalle brillanti performance di Nord America (Ebitda +85,3%), Asia-Pacifico (+23,9%) e Regno Unito (+50,2%)”.

OLANDA VISTA MIGLIORARE, FOCUS SU M&A IN GERMANIA

Intervistato da Reuters, Franco Moscetti, amministratore delegato di Amplifon, ha detto di attendersi che i fattori negativi che hanno pesato sul primo semestre non si manifesteranno nella stessa misura nella seconda parte dell‘anno.

In particolare, il management, sulla base delle indicazioni che emergono da ordini e vendite degli ultimi due mesi, prevede un recupero in Olanda. Nel corso della conference call di presentazione della semestrale, Moscetti e Ugo Giorcelli, direttore finanziario del gruppo, hanno più volte rimarcato questa previsione. “Sembra che l‘onda negativa sia alle spalle”, ha affermato Giorcelli.

Il direttore finanziario, parlando della Germania, ha detto di prevedere “una seconda parte dell‘anno decisamente migliore”. Così come anticipato a Reuters, Moscetti ha spiegato agli analisti che in Germania “sono in corso negoziati con realtà regionali” per potenziali acquisizioni.

Per quanto riguarda l‘Italia, l‘AD ha posto l‘accento sull‘impatto atteso della campagna pubblicitaria e “sul tasso di penetrazione attuale limitato, che costituisce un‘opportunità”.

Tornando ai risultati, l‘Ebit è sceso del 9%, a 39,5 milioni.

L‘utile netto ha registrato un calo del 22%, a 13,6 milioni. L‘indebitamento finanziario netto si è attestato a 352,8 milioni, sostanzialmente in linea con il dato al 31 dicembre scorso (351,8 milioni) e in diminuzione rispetto ad un anno prima (398,3 milioni).

Il consensus degli analisti indicava ricavi pari a 406,483 milioni, un Ebitda di 60,684 milioni e un utile netto di 13,645 milioni.

Le note pubblicate dai broker dopo i risultati sono complessivamente positive. Citi conferma il rating ‘buy’ e sottolinea i tassi di crescita fuori dall‘Europa. Jefferies scrive che il sell-off che ha colpito Amplifon nelle ultime settimane, alla luce dei risultati, è stato eccessivo.

Ottima la reazione del titolo: Amplifon ha guadagnato il 7,52%, a 3,03 euro, dopo aver segnato un massimo di 3,0440 euro. Straordinari gli scambi: sono passati di mano oltre 942.000 pezzi, pari al 172,8% della media degli ultimi trenta giorni.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below