6 agosto 2008 / 13:30 / tra 9 anni

PUNTO1- A2A, utile sem1 in calo a 159 mln, sconta Robin Tax

(aggiunge altri dettagli, dichiarazioni Zuccoli)

MILANO, 6 agosto (Reuters) - A2A (A2.MI) ha chiuso il primo semestre dell‘anno con un utile netto di 159 milioni di euro, in calo del 34% rispetto ai 241 milioni del bilancio pro forma relativo allo stesso periodo del 2007.

La superutility lombarda è operativa dal 2 gennaio scorso a seguito della fusione fra la milanese Aem e la brescian Asm. Di qui il confronto con i dati pro forma relativi all‘anno scorso.

Il mol si attesta a 527 milioni di euro dai 504 milioni di un anno fa, mentre i ricavi sono pari a 2,99 miliardi di euro, in crescita del 23,3% rispetto a 2,42 miliardi del primo semestre 2007.

“L‘incremento è riconducibile alle maggiori quantità di energia elettrica, gas e calore commercializzate e distribuite” si legge in una nota del gruppo.

Il gas distribuito nel semestre è stato pari a 1.101 milioni di metri cubi in aumento del 17,6%, mentre l‘energia elettrica distribuita è risultata pari a 6.178 milion di kwh, in aumento del 2,4%.

Il presidente del consiglio di gestione, Giuliano Zuccoli, nel commentare i risultati, ha sottolineato che “l‘utile netto sconta nei primi sei mesi dell‘anno un peggioramento dei risultati di Edison EDN.MI e di Endesa Italia e una piccoola correzione dovuta alla Robin Tax, senza avremmo avuto un risultato migliore”.

Il gruppo specifica che rettificando il risultato pro forma relativo al primo semestre dello scorso anno dal contributo di Transalpina di Energia e di Endesa Italia al netto delle minorities, l‘utile netto consolidato sarebbe stato pari a 173 milioni di euro. Con la stessa metodologia e al netto degli effetti derivanti da cambiamenti normativi di carattere fiscale (Robin Tax) e legislativo (concessioni idroelettriche), l‘utile del primo semestre sarebbe salito a 185 milioni di euro, spiega il comunicato.

Al 30 giugno il capitale investito netto consolidato è pari a 7.997 milioni di euro, alla cui copertura contribuiscono il patrimonio netto per 4.658 milioni di euro (di cui 853 milioni di euro riferiti alle quote di terzi azionisti) e l‘indebitamento finanziario netto per 3.339 milioni di euro (3.349 milioni di euro al 31 dicembre 2007 pro forma).

Per quanto riguardo l‘anno in corso, nel secondo semestre è previsto il graduale avvio dell‘impianto a ciclo combinato da 800 mw a Gissi, inoltre a partire dal 31 luglio i risultati del gruppo beneficeranno del consolidamento integrale della società francese Cofatech Coriance.

“Alla luce dei positivi risultati del primo semestre, i risultati del 2008 si prevedono non inferiori a quelli del 2007”, si legge nella nota.

Il confronto con i dati pro forma al primo semestre 2007 è dovuto alla fusione tra Aem Milano e Asm Brescia operativa dal 2 gennaio 2008.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below