April 23, 2020 / 5:55 AM / a month ago

Saipem, trim1 in rosso, quadro incerto per coronavirus

MILANO, 23 aprile (Reuters) - Saipem, che ha ritirato la guidance 2020 a metà mese per tenere conto delle conseguenze dell’epidemia di coronavirus, ha chiuso il primo trimestre in rosso per 269 milioni di euro rispetto all’utile per 21 milioni dei primi tre mesi del 2019.

In una nota il gruppo di servizi petroliferi, che nel periodo ha visto i nuovi ordini scendere a 917 milioni da 2.517 milioni, ha sottolineato che “il quadro tuttora molto instabile non consente di formulare una nuova guidance”.

Secondo l’AD Stefano Cao “la strategia di radicale trasformazione aziendale attuata con successo negli scorsi anni ha consentito a Saipem di raggiungere una struttura economico-finanziaria forte, asset solidi e nessuna significativa esposizione debitoria in scadenza nel breve termine”, si legge nella nota.

Tornando ai conti, il risultato netto sconta rispetto a quello adjusted (perdita di 9 milioni dall’utile di 29 milioni del 2019) svalutazioni di immobilizzazioni materiali della divisione Drilling Offshore per 260 milioni di euro derivanti quasi interamente dal test di impairment.

In contrazione a 240 milioni da 274 milioni l’Ebitda adjusted a causa di una perdita di efficienza operativa nelle divisioni Engineering & Construction Offshore e Drilling Onshore mentre i ricavi ammontano a 2.172 milioni di euro, in linea rispetto al 2019, con l’incremento dei volumi della divisione Engineering & Construction Onshore che ha compensato la riduzione nella divisione Engineering & Construction Offshore.

Ridimensionati a 59 milioni da 74 milioni gli investimenti tecnici nel periodo mentre l’indebitamento finanziario netto al 31 marzo 2020 ante effetti lease liability IFRS 16 ammonta a 632 milioni di euro (in aumento di 160 milioni di euro rispetto a fine 2019).

Per il 2020 il gruppo ha ridotto gli investimenti tecnici del 20-25% rispetto alla precedente guidance 2020 di circa 600 milioni di euro.

Il cda del gruppo ha infine deliberato il rinnovo per un anno del programma di emissioni di prestiti obbligazionari non convertibili denominato Euro Medium Term Note Programme, confermando l’importo massimo di 3 miliardi di euro, di cui 1,5 miliardi di euro di emissioni sono in essere alla data odierna. (Maria Pia Quaglia, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below