May 25, 2018 / 2:20 PM / 6 months ago

Banche, da flat tax stima impatto negativo su Cet1 40-110 pb per Dta-analisti

MILANO, 25 maggio (Reuters) - In attesa che si formi il nuovo governo targato Lega e Movimento 5 Stelle e guidato da Giuseppe Conti, gli analisti si interrogano circa l’impatto sul settore bancario italiano della proposta di “flat tax” contenuta nel contratto tra i due partiti di maggioranza.

A fronte di un effetto positivo nel lungo termine, nell’immediato il taglio dell’aliquota Ires peserebbe sui bilanci bancari a causa della presenza delle imposte differite (le cosiddette deferred tax asset).

Secondo quanto spiegato in un report di Mediobanca Securities esistono tre tipi di Dta: quelle legate alle perdite portate a nuovo, quelle legate a perdite su crediti e al goodwill che sono trasformabili in crediti fiscali e altre legate a differenze sulla tempistica di contabilizzazione.

Di questi tre tipi, soltanto le Dta legate a perdite su crediti e goodwill sono computate nel Cet1 e sarebbero quelle interessate da una riforma fiscale. Le banche infatti a fronte di una riduzione dell’aliquota di imposta dovrebbero svalutare le Dta in bilancio.

Con una imposta Ires al 15% Mediobanca Securities stima un impatto di 110 punti base sul Cet1 delle banche italiane. I particolare le più colpite, secondo il broker, sarebbero Banco Bpm (-165 punti base), Banca Carige (-145) e Credito Valtellinese (-135) a causa dell’elevato ammontare di Dta legate ad accantonamenti su crediti non dedotti in passato. Credito Emiliano (-25) e Banca Popolare di Sondrio (-55) si trovano nella situazione opposta, visto il basso ammontare di perdite su crediti registrato in passato.

Banca Mps (-85), invece, dovrebbe essere relativamente risparmiata per le grosse perdite sofferte negli anni recenti. Per UniCredit (-90) è atteso un impatto di 30 punti base in meno rispetto a Intesa Sanpaolo (-120).

Goldman Sachs, invece, ragiona su un taglio dell’Ires al 23,5% dal 27,5% che avrebbe un impatto negativo sul Cet1 aggregato di 41 punti base. Le banche più impattate sarebbero UBI Banca (-52 punti base) e Banco Bpm (-53), seguite da Bper Banca (-47), Intesa (-42), Mps (-37) e UniCredit (-35).

Per contro Mediobanca Securities stima un miglioramento dell’Eps dovuto ai tagli fiscali del 15-20% che si riduce all’8% nel caso di UniCredit a causa degli utili non prodotti in Italia.

“Non crediamo che nulla di quanto riportato accadrà. Il nuovo governo probabilmente avrà un’agenda legata al deficit e alla spesa pubblica e avrà bisogno di ricavi tributari aggiuntivi per limitare il deficit. Inoltre tagliare le tasse alle banche sarebbe impopolare e anche controproducente. La ripresa economica è in corso e la salute del sistema bancario ne è la chiave”, si legge nel report.

Anche Equita giudica improbabile un taglio delle tasse delle banche visto l’attuale contesto politico.

Mediobanca ricorda, fra l’altro, che nel 2016 il governo Renzi abbassò l’aliquota fiscale per le imprese, mantenendo per gli istituti di credito una addizionale.

Le banche più impattate, secondo Equita, sarebbero quelle con un rapporto Dta/Cet maggiore. “Data una media del settore del 28%, le banche che hanno un maggiore rapporto Dta/Cet sono Carige (72%), Banco Bpm (40%), Creval (39%) e Mps (35%). Il calo dell’aliquota fiscale porterebbe per alcuni di questi istituti pressione in termini di Cet1, “che in alcuni casi scenderebbe sotto la soglia dell’11,5%”. UniCredit e Intesa invece hanno un rapporto sotto la media di settore.

(Gianluca Semeraro, Paola Arosio)

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below