31 marzo 2017 / 15:24 / 8 mesi fa

PUNTO 1-Cdp, sale utile netto nonostante svalutazione Atlante, immobili

(aggiunge dettagli da conferenza stampa)

di Paola Arosio e Luca Trogni

MILANO, 31 marzo (Reuters) - Cdp chiude il 2016 con un utile netto della capogruppo di 1,7 miliardi (+ 86% rispetto a 900 milioni nel 2015) e un utile netto di gruppo pari 1,1 miliardi (rispetto alla perdita di 900 milioni del 2015).

Risultato raggiunto nonostante le svalutazioni dell’ investimento nel fondo Atlante, del patrimonio immobiliare e l‘aumento delle riserve a copertura crediti, hanno detto l‘Ad Fabio Gallia e il presidente Claudio Costamagna durante un incontro con la stampa.

Nessun numero, ma la svalutazione di Atlante (su cui la cassa si è impegnata per circa 500 milioni), è stata “prudente dal punto di vista di chi fa il bilancio”, per Gallia.

Svalutata dalla controllata Cdp Equity anche la quota in Saipem a 50-60 centesimi (rispetto a una quotazione attuale in area 0,43), impairment che non ha impatto sui conti del gruppo perchè compensato dalla rivalutazione di altre partecipazioni .

“Non dobbiamo massimizzare l‘utile, dobbiamo sostenere l‘economia”, ha detto Costamagna, sottolineando che comunque l‘utile “torna al paese” sotto forma di dividendi per Mef (socio all‘83%) e fondazioni (16%).

Nessun commento invece sui tanti temi caldi che interessano la Cassa, da possibili cambi nell‘assetto societario al ventilato incremento della partecipazione in Poste a un finanziamento di Alitalia.

Sull‘aumento degli utili ha inciso nettamente il margine d‘interesse, circa 2,4 miliardi, che registra una crescita del 162% nonostante un contesto di tassi di mercato sfavorevole.

L‘incremento deriva sia dalle azioni volte all‘ottimizzazione delle fonti di raccolta, al miglioramento dell‘Alm (Asset and Liability Management) a una più efficiente gestione della tesoreria, che dal parziale adeguamento delle modalità di remunerazione del conto corrente di Tesoreria all‘attuale dinamica dei tassi.

Gallia ha spiegato che il 55% circa del miglioramento è dovuto alle prime due voci mentre l‘adeguamento della remunerazione del conto corrente di Tesoreria - Cdp presta al Mef 150 miliardi l‘anno - incide per il 45%.

Dopo il conferimento del 35% di Poste, il patrimonio netto della spa si attesta a 23,2 miliardi di euro, in crescita di 3,7 miliardi rispetto al 2015. Quello di gruppo a 35,7 miliardi.

A fine 2016 la raccolta complessiva era pari a 331,8 miliardi (+2,7%) di cui 250,8 di raccolta postale. La liquidità disponibile era pari a 161,8 miliardi in calo del 4,1% sull‘anno precedente.

Le risorse mobilitate dal gruppo a favore dell‘economia italiana aumentano a oltre 30 miliardi con l‘attivazione di investimenti complessivi per 50 miliardi.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below