12 novembre 2013 / 18:58 / 4 anni fa

PUNTO 1-Mediaset riduce perdita 9 mesi, rafforza piano risparmi

(Riscrive con altri dettagli, accorpa pezzi)

MILANO, 12 novembre (Reuters) - Mediaset riduce le perdite del terzo trimestre, che nel complesso appare migliore delle attese, e sorprende il mercato con un ulteriore taglio costi volto a compensare un mercato pubblicitario che non dà segnali netti di ripresa.

Dopo che la raccolta del Biscione è scesa in Italia del 19,4% nel primo trimestre e del 15,5% nel secondo, nel terzo - che comprende però i poco significativi mesi estivi - ha conquistato un +0,2%. Per ottobre e novembre, però, è prevista una nuova contrazione, seppure più contenuta di quella registrata nella prima parte dell‘anno.

NOVE MESI IN ROSSO, PIANO TAGLIO COSTI SALE A 500 MILIONI

Il gruppo ha chiuso i primi nove mesi dell‘anno con una perdita netta di 27,3 milioni, in miglioramento dal rosso di 45,9 milioni registrato nello stesso periodo del 2012.

In crescita l‘Ebit a 109,6 milioni da 46,9, anche se nel terzo trimestre il dato è negativo per 24 milioni contro una perdita di 98,7 milioni registrata un anno prima. I ricavi del trimestre ammontano a 653,1 milioni da 656,6 milioni.

Secondo le stime raccolte tra 7 analisti, le attese erano in media di un ebit trimestrale a -39 milioni e ricavi a 647 milioni.

Il debito netto cala da 1,712 miliardi di fine 2012 a 1,49 miliardi.

In Italia i ricavi consolidati scendono nei nove mesi a 1,8 miliardi da 2,02 miliardi, con una raccolta a 1,43 miliardi da 1,65: la contrazione si riduce a -13,5% sul 2012 da -17,5% registrato nel primo semestre. I ricavi da attività caratteristica di Mediaset Premium crescono del 7,3% a 410,3 milioni.

Si rafforza l‘impegno sul taglio costi in Italia: il piano triennale 2012-2014 di ridurre i costi di 450 milioni rispetto al 2011 non sarà solo raggiunto con un anno di anticipo, come già annunciato, ma salirà, sempre entro il 2013, di altri 50 milioni. “Questa dovrebbe essere la base costi anche per il nostro budget 2014 e ci dovrebbe permettere di cogliere al meglio ogni segnale di ripresa”, ha detto in conference call il Cfo Marco Giordani.

RACCOLTA OTTOBRE-NOVEMBRE VISTA IN CALO ‘MID SINGLE DIGIT’

Nonostante un confronto favorevole con l‘ultima parte del 2012, le attese sulla fine del 2013 non sono brillanti. Il direttore generale di Publitalia Luigi Colombo ha parlato nel corso della conference di un “calo mid single digit per ottobre e, da quello che vediamo dalle prime indicazioni, per novembre”. Nessuna indicazione è stata data invece per il mese di dicembre.

Nel complesso per l‘intero esercizio il gruppo “prevede il raggiungimento su base annua di un risultato operativo consolidato superiore a quello registrato al termine dei nove mesi, il conseguimento di un importante livello di generazione di cassa e la conseguente riduzione del debito netto consolidato rispetto al 31 dicembre 2012”.

Il Cfo non ha escluso poi, sulla carta, operazioni di M&A, sempre che portino nuovo valore, anche se l‘attenzione al contenimento del debito non viene abbandonata. In particolare è presto per dire, secondo Giordani, se un eventuale acquisizione delle torri Telecom da parte della controllata EI Tower potrebbe entrare in questa logica. .

I clienti Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su

(Claudia Cristoferi)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below