5 novembre 2013 / 14:39 / tra 4 anni

PUNTO 1-Banca Generali, utile trim3 +11%, vede raccolta gestito 2013 a 2,5 mld

* Raccolta netta ottobre 160 mln, verso gestito 194 mln

* Vede raccolta netta a 1,5-1,6 mld in 2014

* Rivisto al rialzo a 70-75 obiettivo reclutamento 2013 (Accorpa pezzi, aggiunge dettagli da comunicato, conference call analisti)

MILANO, 5 novembre (Reuters) - Banca Generali ha realizzato nel terzo trimestre un utile netto in crescita dell‘11% a 33,5 milioni a fronte di un margine di interesse in leggera contrazione (-1,5%) a 28,7 milioni.

La controllata di Generali ha contestualmente rivisto al rialzo l‘obiettivo di raccolta da risparmio gestito per l‘esercizio a 2,5 miliardi (da 2 miliardi) dopo aver registrato sottoscrizioni nette per 160 milioni a ottobre, con nuovi flussi per 194 milioni verso il gestito.

Da inizio anno la raccolta netta di Banca Generali ha raggiunto i 2 miliardi e la componente gestita i 2,27 miliardi con fondi e Sicav che hanno toccato i massimi storici di 1,289 miliardi.

“Siamo a 2,3 miliardi di raccolta gestita a fine ottobre, si continuerà spediti nei prossimi mesi ma a un ritmo fisiologicamente più lento rispetto ai mesi passati...possiamo ragionare sui 2,5 miliardi che è una proiezione seria, prudente ma realizzabile”, ha detto l‘AD Piermario Motta nel corso della conference call con gli analisti.

La proiezione di sottoscrizioni nette totali si attesta a 1,5-1,6 miliardi per il 2014.

“Faremo di tutto per andare oltre ma anche l‘anno prossimo la raccolta netta non sarà la priorità della banca”, ha aggiunto il manager.

Nel 2014, come già quest‘anno, gli sforzi commerciali del gruppo saranno concentrati sul gestito, nell‘ottica di un ribilanciamento dei portafogli dei clienti che sta già dando i suoi frutti. Le commissioni di gestione sono infatti aumentate del 20% rispetto al terzo trimestre del 2012 e del 4% nel confronto con il periodo giugno-settembre di questo anno.

“La forte spinta derivante dalle commissioni di gestione riflette il continuo e riuscito ribilanciamento nel portafoglio clienti da prodotti bancari a prodotti gestiti”, si legge nella presentazione dei risultati dei primi nove mesi.

Le masse gestite sono cresciute a 20,4 miliardi e rappresentano il 72% degli attivi totali contro il 69% del corrispondente periodo dello scorso anno. In particolare, le masse di fondi e Sicav sono cresciute di un quarto a 8 miliardi negli ultimi dodici mesi e rappresentano il 28% degli attivi totali.

“MOLTO PROMETTENTI” I PROSSIMI MESI

Forte del recente inserimento di alcuni manager che stanno lavorando a una accelerazione “nei servizi di consulenza evoluta e al lancio di nuovi prodotti”, Banca Generali vede i prossimi mesi come “molto promettenti”.

“Batteremo tutti i nostri target”, ha detto Motta.

In un‘intervista rilasciata di recente ad un quotidiano, l‘AD aveva anticipato che il gruppo si avvia a grandi passi a chiudere il miglior anno della propria storia con utili che, nelle stime degli analisti, potrebbero arrivare a 140-145 milioni di euro dopo i 105,1 milioni dei primi nove mesi.

Rivisto al rialzo a 70-75, infine, anche l‘obiettivo di reclutamento, previsto inizialmente per quest‘anno a 50-60 banker (erano già 57 alla fine di settembre con 1,11 miliardi di masse potenziali).

“Probabilmente batteremo anche questo nuovo obiettivo con un profilo medio di portafoglio di 19-20 milioni, cioè un incremento del 25-35% rispetto alla fine del 2012”, ha sottolineato il manager.

Per Motta il nuovo target di quest‘anno è “sicuramente superiore alla nostra media storica... Ragioneremo come obiettivi di budget sulle 50-60 unità nel 2014 ma se il mercato sarà favorevole saremo pronti a cogliere le opportunità”, ha detto, riferendosi alla crisi del canale bancario tradizionale.

Nel corso della conference call, infine il management ha indicato in 3-3,1 milioni le performance fees realizzate nel mese di ottobre e definito “sostenibile” per il 2014 un payout alla rete intorno al 48%.

Il titolo in borsa ha aggiornato i minimi di seduta dopo la pubblicazione dei risultati a 19,05 euro e, intorno alle 15,20, cede circa mezzo punto percentuale a 19,45 euro.

Per il testo integrale del comunicato diffuso dalla società, i clienti Reuters possono cliccare su

(Maria Pia Quaglia)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below