30 ottobre 2013 / 08:50 / 4 anni fa

PUNTO 1-Eni, netto adj trim3 -29%, ma sopra consensus, pesano Libia e Nigeria

* Produzione -3,8% a 1,653 mln boe, in 2013 vista in calo su 2012

* Vendita di gas trim3 -5,8%, attese in flessione sul 2012

* Scaroni: “Avvieremo piano di buyback prossime settimane”

* Titolo balza oltre 3% in Borsa (Aggiunge altri dettagli da comunicato, reazione mercato)

di Giancarlo Navach

MILANO, 30 ottobre (Reuters) - Eni ha chiuso il terzo trimestre 2013 con un utile netto adjusted (senza le componenti straordinarie) di 1,17 miliardi di euro, in calo del 29,4% rispetto allo stesso periodo 2012, ma sopra il consensus Reuters che si fermava a 972 milioni. Ebit adj a 3,44 miliardi in contrazione del 15,7%.

A pesare sui conti della major italiana, la riduzione delle produzioni in Nigeria e Libia e l‘apprezzamento dell‘euro sul dollaro

Via libera del Cda al piano di riacquisto di azioni proprie fino a 6 miliardi di euro che partirà nelle prossime settimane.

Il mercato sta apprezzando i risultati a livello operativo, anche se peggiori sul debito: intorno alle 9,45 il titolo balza del 3,2%.

Tornando ai conti, il peggioramento ha interessato tutti i settori di business, spiega la major italiana, con eccezione di Versalis: la Divisione Exploration & Production (Ebit in calo di 419 milioni) a causa dell‘apprezzamento dell‘euro (+5,9%) e di interruzioni straordinarie della produzione, le divisioni Refining & marketing e Gas & Power che hanno accusato rispettivamente maggiori perdite di 113 milioni e 52 milioni per effetto del continuo deterioramento dei prezzi e dei margini di vendita in un contesto di contrazione della domanda, oversupply ed elevata pressione competitiva, infine il settore Ingegneria & Costruzioni con un calo del 38,5% degli utili dovuto al rallentamento dell‘attività.

Proprio a causa dei problemi registrati nei due Paesi africani Nigeria e Libia, e delle riduzioni straordinarie (circa 50.000 barili/giorno), la produzione di idrocarburi è scesa del 3,8% nel trimestre a 1,653 milioni di barili/giorno (-3,1% nei nove mesi). E la stima per l‘intero anno è di una produzione di idrocarburi in calo rispetto al 2012 a causa dell‘impatto dei fattori geopolitici, in particolare in Nigeria e Libia. In occasione dei risultati del secondo trimestre Eni stimava una produzione per l‘anno in linea a quella del 2012.

Eni sottoline che proseguirà lo sviluppo dei grandi progetti in portafoglio, tra cui quelli in Kazakhstan, Algeria e Angola, e l‘entrata a regime dei campi avviati nel 2012, in particolare in Egitto, il cui contributo tuttavia non è tale da assorbire i citati eventi di forza maggiore, il declino delle produzioni mature e i disinvestimenti del 2012.

Anche le vendite di gas sono previste in flessione rispetto al 2012, nel terzo trimestre sono scese del 5,8% a 18,35 miliardi di metri cubi. Le nuove risorse esplorative sono pari a 0,7 miliardi di barili/giorno nel trimestre

L‘indebitamento finanziario netto al 30 settembre scende a 15,146 miliardi da 16,492 miliardi al 30 giugno con un leverage a 0,24.

Nel commentare i risultati, l‘Ad, Paolo Scaroni, sottolinea che “nel terzo trimestre abbiamo ottenuto importanti successi esplorativi, compiuto eccellenti progressi nello sviluppo con nuovi start-up e monetizzato parte della nostra partecipazione in Mozambico”. Il manager aggiunge che “questi risultati consolidano la nostra redditività in un trimestre che ha risentito ancora delle difficili condizioni dei mercati europei del mid e downstream, delle riduzioni straordinarie delle produzioni in Nigeria e Libia e dell‘apprezzamento dell‘euro. Considerata la natura temporanea di questi fattori e la solidità del nostro business avvievermo il programma di buyback”.

Il cda ha approvato le modalità attuative del programma di acquisto di azioni proprie tramite conferimento di incarichi ad intermediari abilitati al fine di dare avvio agli acquisti nel corso delle prossime settimane in esecuzione di quanto deliberato dall‘assemblea degli azionisti il 10 maggio scorso.

I clienti Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su [ID:nBIA30077 ]

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below