7 giugno 2012 / 11:14 / tra 6 anni

PUNTO 2-Prada, utile netto trim1 raddoppia, balzano ricavi Europa

* Utile netto +111% a 121,7 mln contro attese 98 mln

* Conferma target 80 nuove aperture in anno

* Network retail supera 400 DOS

* Prudenza su sviluppi economici internazionali (Aggiunge dichiarazioni vice presidente)

MILANO, 7 giugno (Reuters) - Prada archivia un primo trimestre caratterizzato da un forte balzo di utili e ricavi, superando le attese nonostante le incertezze del contesto internazionale grazie a solidi progressi in tutte le aree geografiche, guidate dall‘Europa favorita dal flusso di turisti.

La crescita è sostenuta dalla strategia di espansione internazionale del network retail, con otto nuovi negozi inaugurati nel corso dei primi tre mesi e altri sette nelle settimane successive che portano a oggi il totale dei DOS (negozi a gestione diretta) a 402.

In un‘intervista telefonica a Reuters subito dopo la diffusione dei risultati il vice presidente Carlo Mazzi ha confermato l‘obiettivo di 80 nuove aperture nell‘anno. “Il ritmo medio in questo triennio era di 80 negozi l‘anno e non c‘è motivo per pensare che si debba diminuire”, ha detto.

“Abbiamo un vantaggio da questo punto di vista perché non siamo ancora presenti e forti in importanti capitali in giro per il mondo, anche in mercati molto importanti, quindi stiamo aprendo non sovrapponendoci in località in cui siamo già ma in città dove non eravamo”, ha spiegato.

Nel primo trimestre, chiuso il 30 aprile, l‘utile netto è più che raddoppiato a 121,7 milioni di euro da 57,7 milioni, su ricavi in crescita del 47,9% a 686,7 milioni.

FIDUCIA IN CAPACITA’ DI RAGGIUNGERE OBIETTIVI

“Siamo, oggi più che mai, convinti della validità del nostro percorso di crescita basato su un‘equilibrata presenza geografica globale e sulla forza dei nostri marchi”, commenta nella nota sui risultati l‘AD Patrizio Bertelli. “Pur restando fiduciosi nelle nostre capacità di raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati, presteremo particolare attenzione all‘evoluzione della situazione economica dei vari paesi, per assicurare la coerenza della nostra strategia di crescita nel medio termine con le esigenze dei vari mercati”.

Anche Mazzi ha ribadito la sua fiducia. “Siamo certi che in una prospettiva di medio termine lo sviluppo continuerà a esserci, nel breve termine stiamo prudentemente a guardare quello che succede perché non vogliamo fare un peccato di presunzione”, ha aggiunto, ricordando anche la situazione in Grecia dove si assiste a un calo del turismo. “Se questa situazione dovesse venire in Spagna, in Italia, se questo impattasse sui flussi turistici impatterebbe anche sui nostri negozi”, ha osservato.

Nel primo trimestre a livello geografico l‘Europa ha registrato un +55,5% di vendite, l‘Asia Pacifico è cresciuta del 46,9%, l‘America del 34,1% e il Giappone del 38,7%.

Le vendite dei DOS sono salite del 49% a 569,7 milioni e il canale wholesale ha mostrato un incremento del 41,5%, in parte attribuibile allo slittamento di consegne alla fine dell‘esercizio precedente.

La generazione di cassa ha consentito di finanziare gli investimenti del periodo, pari a 55,3 milioni di euro, e di migliorare la posizione finanziaria netta del gruppo che, al 30 aprile 2012, era positiva per 122,4 milioni.

Prada si è quotata a Hong Kong circa un anno fa e dall‘inizio del 2012 il titolo ha guadagnato intorno al 30%.

(Sabina Suzzi, Antonella Ciancio)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below