15 maggio 2012 / 14:18 / 6 anni fa

PUNTO 1-Campari,utile trim1 +4,6%,fiducia in solidità Italia per trim2

(Aggiunge dettagli da conference call, aggiorna andamento titolo)

MILANO, 15 maggio (Reuters) - Campari ha archiviato i primi tre mesi dell‘anno - tradizionalmente un trimestre poco significativo - con un utile lordo in crescita del 4,6% a 52,8 milioni a fronte di un fatturato in progresso del 4% a 279,3 milioni (variazione organica +2,8%).

Leggermente positivo l‘andamento delle vendite sul mercato italiano (+0,5%), che rappresenta il 36,4% del giro d‘affari del gruppo, grazie all‘andamento positivo di Aperol (+7,3%), Aperol Spritz home edition (+18,7%) e Campari (+4,8%) oltre a Crodino e Lemonsoda, che hanno compensato la debolezza di Campari Soda (-6,4%) e GlenGrant (-9,8%). Un risultato, dovuto al fenomeno dell’“aperitivo lungo”, che ha ricadute positive soprattutto sui marchi Aperol e Campari e che dovrebbe trovare conferme nel secondo trimestre.

“Avendo aprile alle spalle mi sento fiducioso sulla solidità del business in Italia per il secondo trimestre”, ha detto l‘AD Bob Kunze-Concewitz nel corso della conference call sui risultati dei primi tre mesi del 2012.

Il titolo Campari, dopo un‘iniziale debolezza a ridosso della comunicazione della trimestrele, si è ripreso fino ad arrivare a guadagnare il 2,5%, mantenendosi ben comprato anche quando il mercato ha corretto.

Il mercato domestico di Campari è sotto i riflettori alla luce del debole contesto economico e del credito della Penisola, che ha spinto il gruppo ad adottare criteri più stringenti sul credito ai grossisti.

“Abbiamo rinunciato a 3 milioni di vendite in Italia”, ha detto l‘AD.

Per l‘intero 2012 l‘outlook di Campari è orientato a un cauto ottimismo “grazie all‘avanzamento secondo i piani della Russia e i risultati del primo trimestre del 2012 in linea con le attese”, ha previsto l‘AD riferendosi, in Russia, alla transizione in atto verso la nuova struttura distributiva proprietaria.

Le attese, secondo le stime Thomson Reuters, erano di un utile prima delle tasse di 52,5 milioni e di un fatturato di 275,8 milioni.

Le vendite nel resto d‘Europa, pari al 22,3% del totale, hanno segnato un aumento del +1,4%, determinato da una performance organica negativa del -1,0%, una variazione di perimetro positiva del +1,6% e un effetto cambi del +0,8%. La Germania ha registrato una crescita organica del +1,9% nonostante una disputa commerciale, mentre la Russia ha accusato una flessione del -23,0% a livello organico, “dovuta a una base di confronto sfavorevole e come conseguenza della transizione dei principali brand nella nuova struttura distributiva”, ricorda la nota.

Le vendite nell‘area Americhe, pari al 30,5% delle vendite totali, sono cresciute dell‘1,7% con il Brasile (4,2% delle vendite complessive) che ha sofferto una performance organica negativa del 32% anche a causa di un rallentamento dei consumi nel settore attribuibile a fattori macro.

Per il testo integrale del comunicato diffuso dalla società, i clienti Reuters possono cliccare su

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below