3 novembre 2011 / 10:45 / 6 anni fa

PUNTO 1-Tenaris, utile netto trim3 +21%, titolo corre

(Aggiunge dettagli, andamento titolo)

MILANO, 3 novembre (Reuters) - Tenaris ha chiuso il terzo trimestre con un utile netto di 365,5 milioni di dollari (0,28 dollari per azione), in crescita del 21% rispetto allo stesso periodo del 2010.

Le vendite nette sono aumentate del 23%, a 2,495 miliardi di dollari, mentre l‘Ebitda è salito del 17%, a 620,3 milioni di dollari.

L‘utile operativo è avanzato del 20%, a 485,3 milioni di dollari.

I risultati hanno determinato un‘accelerazione del titolo a Piazza Affari. Dopo essere passata per un‘asta di volatilità, Tenaris, attorno alle 11,35, balza del 5,98%, a 11,88 euro, dopo aver segnato un massimo di 12,21 euro. Intensi, ma non straordinari, gli scambi: sono passati di mano oltre 2,1 milioni di pezzi, contro una media dell‘intera seduta negli ultimi trenta giorni di 3,722 milioni.

Il Cda del gruppo, si legge in un comunicato, ha approvato il pegamento di un dividendo interim di 0,13 dollari per azione, ovvero circa 153 milioni. Il dividendo verrà pagato il prossimo 24 novembre. Agli Adr verrà corrisposto un dividendo di 0,26 dollari l‘uno.

Parlando delle prospettive, Tenaris scrive di attendersi un miglioramento di vendite e utili operativi nei prossimi trimestri, nonostante il deterioramento della situazione economica e finanziaria.

L‘attività di estrazione petrolifera, sottolinea la nota, è cresciuta nella maggior parte delle regioni, con l‘eccezione del Nord Africa. Tenaris sottolinea che la crisi del debito europea e i timori di un rallentamento della Cina non hanno inciso sui prezzi energetici.

Il gruppo che controlla Dalmine evidenzia che la domanda dei cosiddetti prodotti Octg (tubi e altri accessori legati all‘attività di estrazione) premium “sta aumentando nella maggior parte delle regioni, conseguenza della crescente complessità delle operazioni di estrazione a livello mondiale”.

Le vendite legate ai progetti downstread sono stabili.

I risultati dei Tenaris, leggendo i report dei broker pubblicati nei giorni scorsi, sono superiori alle previsioni del mercato, soprattutto per quanto riguarda i margini.

Credit Suisse, per esempio, stimava un Ebitda di 588 milioni di dollari, vendite pari a 2,460 miliardi e un utile di 328 milioni (0,28 dollari per azione).

Exane Bnp Paribas prevedeva vendite pari a 2,563 miliardi di dollari, un Ebitda di 581 milioni e un utile netto di 334 milioni.

Per leggere il comunicato integrale, i clienti Reuters possono cliccare su

Redazione Milano, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 02 66129709, Reuters messaging: massimo.gaia.reuters.com@reuters.net Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below