20 settembre 2011 / 17:48 / tra 6 anni

PUNTO 1 - UniCredit, liquidità stabile, benvenuti nuovi soci -AD

(riscrive aggiungendo dichiarazioni Ghizzoni)

MILANO, 20 settembre (Reuters) - UniCredit ha una situazione di liquidità stabile, monitora attentamente le evoluzioni dei mercati ma ritiene di poter gestire questa fase in modo positivo, e non ha particolari esigenze sul fronte del funding in dollari.

Lo ha detto l‘AD Federico Ghizzoni nel corso di un briefing con la stampa in cui ha ribadito che tutte le discussioni sul capitale verranno affrontate con il piano industriale, previsto per fine anno.

“La situazione che monitoriamo con maggiore attenzione è la liquidità. Su questo punto siamo abbastanza positivi e tranquilli. La presenza geografica ci dà un mano importante e la situazione è stabile”, ha spiegato Ghizzoni.

Il banchiere fa un distinguo rispetto alla situazione delle banche francesi le cui difficoltà attuali sono legate “più che a problemi di liquidità al fatto di essere particolarmente esposte verso la Grecia e di avere una necessità in dollari superiore”.

“Sul discorso della liquidità siamo vigili perché la liquidità va tenuta sotto controllo ma se parliamo di dollari non abbiamo particolari esigenze, anzi siamo un po’ lunghi”, ha aggiunto.

“C’è un problema italiano che è quello degli spread che non abbiamo negli altri paesi e che mi preoccupa maggiormente. Il sistema bancario italiano gode tuttavia di una base di depositi importante e il momento consente di essere in una situazione di liquidità sufficientemente buona”, ha proseguito Ghizzoni.

DISCUSSIONI SU CAPITALE CON PIANO, SI GUARDA OGNI OPZIONE

“Stiamo lavorando sul nostro piano industriale. Vogliamo uscire con un piano realistico, credibile e ambizioso e tutti i discorsi relativi al capitale, non necessariamente all‘aumento, verranno definiti e annunciati insieme al piano”, ha spiegato sottolineando che il timing previsto per il piano è per fine anno anche se non esclude che situazioni di “estrema volatilità” dei mercati possano comportare un rinvio.

Tuttavia “una situazione come quella attuale e con il titolo a questi livelli può consentirci di pensare al piano” - ha rimarcato, aggiungendo che un eventuale rinvio “è un‘ipotesi remota da tener presente”.

Sul capitale ”non abbiamo ancora avviato un dibattito interno“ - ha sottolineato poi Ghizzoni -; non è che la banca può rafforzare il capitale solo con una right issue, può agire in diverse direzioni, le stiamo considerando tutte. Dobbiamo analizzare quale sia la via migliore per UniCredit. Questo verrà poi discusso all‘interno del consiglio e, se deliberato, comunicato”.

Ghizzoni ha poi dichiarato - in riferimento all‘articolo di un quotidiano di ieri - di non aver percepito alcun malumore interno sul suo operato: “Accettiamo le critiche, a me non è arrivato nessun malumore, si lavora in grande armonia all‘interno della banca, con molta determinazione e un team estremamente compatto”, ha detto.

Ha poi ribadito che Polonia e Turchia sono paesi da cui la banca non intende uscire. “Le voci sulle vendite di asset in Polonia e Turchia non hanno senso e le smentisco categoricamente”, ha detto. “Sono paesi in cui abbiamo risultati eccellenti, che confermano una crescita molto alta e la Turchia oggi è stata oggetto di un upgrade”, ha aggiunto riferendosi alla decisione di S&P di portare il rating di Ankara a ‘BBB-’ da ‘BB+'.

Sulla possibilità di ingresso di nuovi soci, anche cinesi, Ghizzoni non ha preclusioni: “chiunque abbia intenzione di investire e supportare il gruppo sul lungo termine è il benvenuto”, ha detto esprimendo l‘auspicio di essere in grado con i risultati di attrarre l‘attenzione di nuovi azionisti anche se “non ci sono discorsi aperti con nessuno”.

(Gianluca Semeraro)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below