6 gennaio 2014 / 11:29 / 4 anni fa

Btp poco mossi con volumi sottili, spread sopra 200 su rialzo Bund

MILANO (Reuters) - Poco mossi questa mattina i Btp, reduci la settimana scorsa dalla discesa del tasso decennale sotto il 4%, per la prima volta da maggio, e dello spread su Bund sotto i 200 punti base, per la prima volta dal luglio del 2011.

Btp poco mossi con volumi sottili,. REUTERS/Carlo Allegri

Più marcato invece nella mattinata il movimento in positivo della carta core, col rendimento sul decennale tedesco che torna ad allontanarsi dalla soglia del 2% cui si era avvicinato nei giorni scorsi.

“Abbiamo qualche flusso di vendita, molto limitato, sulle scadenze brevi del Btp e sul decennale, ma complessivamente è una giornata tranquilla, direi festiva, con volumi ancora abbastanza scarsi” afferma il trader di una delle maggiori banche milanesi. “Nei giorni scorsi il mercato aveva forse stretto troppo velocemente e oggi si ferma”.

Dopo essersi mosso lungo la mattinata entro un range di non più di quattro punti, lo spread di rendimento tra Btp e Bund decennali si attesta attorno a metà seduta a 203 pb dai 200 della seduta di venerdì, durante la quale era scivolato fino a quota 199.

Si conferma sotto la soglia del 4% il tasso sul benchmark decennale italiano, sceso venerdì scorso fino ad un minimo del minimo del 3,92%.

In un‘intervista di oggi a Repubblica il ministro dell‘Economia Fabrizio Saccomanni, pur riconoscendo l‘importanza del sostengo giunto dalla Bce, afferma che i mercati “prendono atto delle buone cose” fatte dal governo Letta e si definisce “contento” se il rendimento sui governativi decennali italiani arrivasse al 3%.

TARGET 2% PER DECENNALE TEDESCO

Lo scorso 27 dicembre il rendimento sul Bund tedesco decennale si è portato fino all‘1,96%; il tasso aveva brevemente superato al rialzo la soglia del 2% già all‘inizio di settembre del 2013.

“L‘unico movimento significativo della seduta è quello del Bund: sulla carta core ci sono state prese di profitto abbastanza consistenti nei giorni scorsi e il rendimento sul decennale tedesco si è avvicinato molto al 2%, ma oggi si coglie l‘occasione per tornare sulla Germania e il 2% torna ad allontanarsi” aggiunge il trader. “Il target del 2% resta alla portata, anche se credo che verrà avvicinato con più cautela”.

I Pmi usciti questa mattina dalla zona euro confermano, pur con diverse sfumature, un quadro di ripresa per il settore privato della zona euro, anche se un‘eccezione è giunta proprio dall‘indagine congiunturale sul comparto servizi italiano, in contrazione a dicembre per il secondo mese consecutivo.

“I Pmi sono andati nel complesso discretamente, con qualche eccezione, ma mi pare che oggi che il mercato rimanga in generale molto tranquillo” afferma un secondo operatore da Milano. “Non dimentichiamo che comunque, almeno per quel che riguarda la periferia, ci avviciniamo alle aste”.

Giovedì 9 la Spagna offrirà fino a 5 miliardi di euro sulle scadenze aprile 2019 (nuovo benchmark quinquennale) e ottobre 2028. Per quel che riguarda l‘Italia la tornata d‘aste di metà mese si svolgerà tra venerdì e lunedì prossimi, con i relativi annunci da parte del Tesoro che arriveranno domani e dopodomani.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below